Birra casereccia: istruzioni all'uso » Oktoberfest Monaco

Scopri tutti i festival

Oktoberfest

A partire da 65€

Guarda partenze

Cannstatter

A partire da 55€

Guarda partenze

Herbstfest

A partire da 40€

Guarda partenze

Birra casereccia: istruzioni all’uso

Ago 29, 2017

Birra casereccia: istruzioni all’uso

Birra casereccia- kit per la preparazionePreparare la birra casereccia è impossibile? La risposta è no, è assolutamente possibile. Oltre alla preparazione di dolci con la bevanda, anche la preparazione di essa è fattibile. Ovviamente non deve mancare la voglia e la pazienza di mettersi alla prova.

La birra casereccia è per lo più un’idea per gli amanti. Per quelle persone che cercano sempre la birra artigianale e che approvano la birra in bottiglia in poche occasioni. Per quelli che cercano il gusto particolare, per gli amanti della bevanda e per i facoltosi di cucinarla.

Una storia che potrebbe spingere verso l’idea di mettersi ai fornelli a prepararla arriva da molto lontano. Infatti si dice che la birra fu proprio inventata da una donna mentre trattava i cereali in cucina. Ora è proprio nella nostra cucina che dovremmo concentrarci per realizzare una buona bevanda.

Birra casereccia: come prepararla

È un gioco da ragazzi preparare una buona birra nella propria cucina. Possono provarci tutti perché non è un lavoro al di fuori della portata di nessuno. Per ottenere una buona birra non si utilizzeranno coloranti o conservanti artificiali, genuina e naturale.

Per preparare la bevanda il casa si avrà bisogno di un kit di fermentazione birra, acquistabile su molti siti italiani. Oltre al kit, per la preparazione ci sarà bisogno di bottiglie vuote, zucchero, pentola capiente e acqua. Molti sono i modi per farsi la birra in casa, ma i più diffusi sono due.

  • Il primo è il sistema dei Kit Luppolati. Si tratta di latte contenente malti già pronti per l’uso. Questo dovrà solo semplicemente diluito in acqua e fatto fermentare. Questa tecnica non permette molto di caratterizzare la propria birra, ma se i kit sono buoni si potranno ottenere birre di livello discreto. Molto meglio di alcune birre industriali.
  • Il secondo metodo è quello dell’estratto più grani. In questo sistema si utilizza l’estratto di malto non luppolato, lievito, luppolo e una piccola quantità di grani speciali. Questi non hanno tanto la funzione di costruire materiale fermentabile, ma di contribuire al sapore e al colore della birra.

Birra casereccia: la Ginger Beer

Per gli appassionati dei paesi anglosassoni la bevanda prediletta è la Ginger Beer. Difficile da trovare in Italia, la birra allo zenzero a bassissima gradazione alcolica (circa 0.4%) si può facilmente cucinare. Il ricordo delle birre di un viaggio passato è un ottimo spunto per mettersi ai fornelli.

Birra casereccia- Ginger BeerLa Ginger Beer è fattibile in pochi giorni, grazie alle proprietà della fermentazione indotta dal lievito della birra. Cioè un fungo che si nutre di zuccheri e produce come scarto l’alcol etilico e anidrite carbonica. In questo modo otterremo una bevanda gassata naturalmente anche utilizzando l’acqua naturale. Questa birra andrà servita fredda ovviamente.

Per la preparazione di questa birra avremo bisogno di una bottiglia di plastica da 1.5 l sterilizzata. Le bottiglie di vetro sono inutilizzabili perché potrebbero esplodere a causa della pressione interna che crea la fermentazione. Un controllo dopo le 24 ore sarà opportuno per evitare una eccessiva tensione della bottiglia.

Gli ingredienti da usare per 1.5 l saranno: 50 g di zenzero grattugiato o il succo centrifugato, 1 bicchiere di zucchero di canna, succo di un limone, ¼ di cucchiaino di lievito di birra granulare e acqua naturale a riempire la bottiglia di plastica.

La prima cosa da fare sarà quella di versare lo zucchero e il lievito nella bottiglia attraverso un imbuto asciutto. A questo punto di aggiungerà lo zenzero (succo o polpa), il succo del limone. Questi si mescoleranno bene mentre si aggiungerà l’acqua fino a riempire la bottiglia lasciando una decina di cm liberi.

La bottiglia ora verrà chiusa con il tappo e messa a riposare in un luogo caldo per circa 48 ore. In inverno un luogo ideale potrebbe essere vicino al termosifone, mentre d’estate non ci sono problemi di location. Dopo 48 ore la bottiglia dovrà essere tesa e gonfia.

Si dovrà faticare a creare una depressione spingendo con il dito per la plastica tesa e dura. A questo punto, facendo molta attenzione, si dovrà aprire su un lavandino. Si consiglia prudenza perché sarà esattamente come aprire una bottiglia di spumante.

La bevanda verrà messa in frigorifero fino al momento opportuno per consumarla. Il tappo dovrà essere leggermente svitato per permettere alla fermentazione di continuare il suo processo.

Birra casereccia: il sorbetto a base di luppolo

Birra casereccia- SorbettoPer combattere il calore esagerato delle stagioni estive o per rinfrescarsi la bocca, cosa è meglio di un buon sorbetto? Nulla direi, forse solo la birra. Quindi perché non unirle per creare qualcosa di rinfrescante al quadrato.

Il sorbetto alla birra nasce come dolce e dessert di fine pasto. Ottimo per digerire un pranzo pesante e per pulire la bocca prima di un buon caffè. Leggero, è perfetto anche quando la pancia è piena. Il sorbetto però lo si può prendere in qualsiasi occasione e la preparazione è alla portata di tutti.

Gli ingredienti per ottenere un buon sorbetto sono: 200 gr di zucchero, 2 bicchieri di birra rossa, 2 albumi, 2 acini d’uva chiara, sale e 10 gr di zucchero a velo. Le birre consigliate sono una rossa come la Moretti Rossa o la Porter House Red.

Per prima cosa si dovrà preparare uno sciroppo versando due bicchieri d’acqua in un pentolino sul fuoco. Nello sciroppo andrà aggiunto lo zucchero e verrà poi portato all’ebollizione. Dopo questo verrà tolto dal fuoco e fatto raffreddare. Nel mentre gli albumi dovranno essere montati a neve insieme ad un pizzico di sale e lo zucchero a velo.

Preparata la meringa di albumi, della birra sarà aggiunta allo sciroppo di zucchero. Il liquido verrà poi aggiunto agli albumi montati a neve. Il composto dovrà essere posto in una gelatiera. Quando saranno uniti anche gli acidi d’uva bisognerà azionare la macchina per una decina di minuti.

Quando il tempo sarà passato il tutto dovrà essere mescolato con una spatola di legno. Alla fine dovrà essere fatto indurire in frigorifero nello scomparto per surgelati. Quando sarà pronto andrà servito guarnendolo con uva e dolcetti secchi. Avrete così ottenuto un perfetto sorbetto alla birra.

Condividi

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.