Capodanno a Cracovia: consigli utili » Oktoberfest Monaco

Scopri tutti i festival

Oktoberfest

A partire da 65€

Guarda partenze

Cannstatter

A partire da 55€

Guarda partenze

Herbstfest

A partire da 40€

Guarda partenze

Capodanno a Cracovia: consigli utili

Nov 20, 2018

Capodanno a Cracovia: consigli utili

Capodanno a Cracovia-Fuochi

 

Il capodanno a Cracovia è sinonimo di Mercato dei Tessuti, luogo davanti al quale tutti si danno appuntamento per festeggiare l’arrivo del nuovo anno ormai alle porte.

Due sono le alternative per la serata: la tradizionale festa in strada, con intrattenimento già dal pomeriggio, e il domòwka, il party in famiglia.

Capodanno a Cracovia: brindando in strada

Per chi sceglie di accogliere il 1° gennaio in strada, l’orario di “ritrovo” è alle 20.30, quando in centro iniziano i primi concerti con gli artisti nazionali, che tra brani di repertorio e canti natalizi fanno compagnia fino allo scoccare della mezzanotte. Con il suono delle campane della Chiesa di Santa Maria prima, e i fuochi d’artificio dopo, si saluta la notte più pazza dell’anno, quella di San Silvestro, e ci si scatena per iniziare con il botto i nuovi 365 giorni a venire.

Le zone prese d’assalto sono solitamente il quartiere di Nowa Huta, o piazza Rynek Podgórski, dove tra musica, balli e spettacoli, si fa festa fino al mattino. Perché il capodanno a Cracovia è divertimento in grande stile, nonostante il freddo pungente!

Capodanno a Cracovia: festa in casa

Chi preferisce festeggiare il capodanno a Cracovia in famiglia organizza il la festa in casa che, oltre alla cena, include anche balli tradizionali e moderni, per allietare gli spiriti e accogliere in grande stile il nuovo.

Capodanno a Cracovia- Città by nightLa notte di San Silvestro viene anche spesso celebrata in casa, con il tradizionale domòwka, un cenone-festa che si protrae fino a notte inoltrata. Il buffet è a base di piatti tipici, tra cui i Pierogi, i panzerotti in doppia versione (dolce e salata), il Bigos, un piatto a base di carne, spezie e crauti, il Sermik, la cheesecake polacca e la Babka, la torta lievitata senza ripieno, coperta con la glassa. L’alcool scorre a fiumi e si canta e si balla tutti insieme, assaporando il concetto di “festa in famiglia”, com’è giusto che sia il periodo natalizio.

Chi non ha mai vissuto il domòwka, quando ne sente parlare, lo scambia per una specie di Oktoberfest di Monaco casereccio: cibo tipico, birra (e vino e vodka) a volontà, e divertimento assoluto. In realtà si tratta di una tradizione tipica polacca, con caratteristiche proprie, e che viene vissuta con grande importanza.

Condividi

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.