Blog Archives - Oktoberfest

Scopri tutti i festival

Oktoberfest

A partire da 65€

Guarda partenze

Cannstatter

A partire da 55€

Guarda partenze

Herbstfest

A partire da 40€

Guarda partenze

Aria di festa a Vizzolo: arriva la Sagra del Gorgonzola

Gen 11, 2020 da

Aria di festa a Vizzolo: arriva la Sagra del Gorgonzola

Sagra del gorgonzola - gorgonzola

 

Per dare risalto a un’eccellenza della tradizione culinaria italiana, il comune di Vizzolo, alle porte di Milano, ospita, a ottobre, la Sagra del Gorgonzola, presso la grande (1.300 mq per 2.000 posti a sedere circa) e accogliente Area Feste in Via Verdi che, sempre in autunno, presenta anche la Sagra della Zucca e la Sagra del Fungo e del Tartufo.

Il terzo formaggio più importante del panorama italiano (dopo il Parmigiano Reggiano e il Grana Padano) diventa, così, il protagonista della sagra per un intero weekend durante il quale produttori, chef e visitatori possono scambiarsi opinioni, sperimentare e condividere nuove ricette, degustare piatti tipici o rivisitati, apprezzare e valorizzare un prodotto nato per caso, da un mandriano in viaggio, e piano piano guadagnatosi il marchio DOP.

Tutto ciò da sapere sulla Sagra del Gorgonzola

La Sagra del Gorgonzola è tornata a Vizzolo, un evento con ingresso gratuito per un intero weekend a inizio ottobre, il venerdì con apertura serale, mentre sabato e domenica da ora di pranzo fino a tarda serata. Tanti eventi in programma per accogliere un vasto pubblico e garantirgli un’esperienza innovativa e coinvolgente, dove la gastronomia incontra la musica e l’intrattenimento.

Il gorgonzola è da secoli, ormai, un prodotto immancabile sulle tavole italiane, oggi famoso e richiesto anche in altri Paesi, con una ricca storia e aneddoti alle spalle, grazie al suo sapore deciso, le sue tante varietà, da quello più cremoso e dolce a quello più stagionato e piccante, e la sua versatilità in ogni tipo di portata. La Sagra del Gorgonzola vuole, quindi, esplorare e far conoscere tutte le sue forme, gli abbinamenti vincenti, i piatti della tradizione, la sua storia e la sua lavorazione. Nel menù c’è un’offerta ampia, per incuriosire e soddisfare ogni tipo di palato: verdure, pasta, gnocchi, riso, carni, salse, frutta, tutti gli ingredienti che meglio di sposano con il gorgonzola grazie al suo aroma e alla sua consistenza.

Una sezione particolare è pensata e riservata per i maestri polentieri e per i loro giganti paioli colmi di pregiata polenta di Storo, da sempre accompagnata con il formaggio; alla preparazione di caldarroste, tipiche autunnali; stands enogastronomici, con una carta dei vini speciale, con Barbera, Bonarda, Riesling, Pinot e Rosè, e le immancabili birre, tra cui alcune che si possono gustare all’Oktoberfest di Monaco. All’interno del tendone dell’Area Feste sono allestiti, inoltre, un palco e una pista da ballo che prevedono ogni sera l’alternarsi di gruppi e musica live per creare un clima di festa per chi vuole godersi la Sagra del Gorgonzola in compagnia e passare un’alternativa e piacevole serata, con la possibilità di prenotare un tavolo.

La Sagra del Gorgonzola: un formaggio che fa bene

sagra del gorgonzola - abbinamentiLa Sagra del Gorgonzola è un’occasione per conoscere tutte le caratteristiche di questo formaggio erborinato dalle mille qualità, ricercate, preservate e valorizzate dai produttori, esperti e chefs. Perché il gorgonzola, se preparato adeguatamente e rispettando le normative, è un prodotto salutare. Le famose striature verdi, le muffe, rendono il gorgonzola digeribile e la sua lavorazione, con la triplice fermentazione, non contiene né glutine né lattosio, così da essere consigliato a chi ha delle intolleranze.

È un prodotto poco calorico, a differenza di quanto si pensa, e risulta adatto per la dieta dello sportivo, ed è ricco di vitamine (B2, B6 e B12). Se, invece, a fermarvi, è il suo forte odore, eliminate la crosta e avvolgetelo in alluminio, conservatelo in vaschette e poi degustatelo a temperatura ambiente.

E soprattutto, come detto sopra, il formaggio può essere accompagnato da una bella birra ghiacciata.

Leggi Tutto

Condividi

Oktoberfest 2020: le prime novità

Set 22, 2019 da

Oktoberfest 2020: le prime novità

Oktoberfest 2020 - Paulaner

 

L’Oktoberfest, con più di 7 milioni di litri di birra consumati ogni anno, si rivela essere una delle feste più gettonate al mondo. Ecco le prime notizie dell’Oktoberfest 2020, che si terrà dal 19 settembre al 4 ottobre, come sempre al Theresienwiese, il parco che ospita anche la festa della birra di primavera e quella invernale, che si conclude la notte di capodanno.

Oktoberfest 2020: programma

Al momento non è ancora stato reso pubblico il programma ufficiale dell’edizione del prossimo anno; quello che è dato sapere è che, come di consuetudine, questi saranno i momenti clou:

SABATO 19 SETTEMBRE: alle ore 9, la tradizionale parata dei carri dei birrifici, che si conclude nel parco, dove, a mezzogiorno, il sindaco aprirà la prima botte, gridando boccale di birra da parte del sindaco, che con l’immancabile: “E’ stappata”, dà il via ufficiale alle bevute.

DOMENICA 20 SETTEMBRE: alle ore 9, la sfilata in centro città con i tradizionali abiti bavaresi.

Oktoberfest 2020 a MonacoSABATO 27 SETTEMBRE: via alle danze, a partire dalle ore 11, con il concertone, che vede coinvolte diverse band che suonano e cantano all’interno dei capannoni, mentre il pubblico si diverte e consuma litri e litri di birra.

DOMENICA 4 OTTOBRE: tutti davanti alla statua della Baviera, per concludere l’Oktoberfest 2020 e darsi appuntamento all’anno successivo.

Momenti storici, questi, che si ripetono da sempre, e che sono il cuore della festa.

Oktoberfest 2020: prezzi

Sebbene l’Oktoberfest 2020, sarà gratuito, come lo è sempre stato dalla sua prima edizione, restano a pagamento il consumo della birra, il mangiare e le corse sulle giostre.

Per quanto riguarda il boccale di birra da un litro, l’unico che si può consumare, stando all’andamento degli ultimi anni sarà in aumento di qualche centesimo.  Cifra a cui poi va aggiunta, per legge, la mancia alle cameriere.

Oktoberfest 2020: FAQ

#1. Carte di credito

All’Oktoberfest 2020 non sarà possibile in nessun modo pagare, all’interno del parco, con la carta di credito. Ci sono numerosi ATM attorno all’area feste, in cui è possibile prelevare.

#2. Borse e zaini

Da un paio di anni a questa parte, non è possibile entrare al parco con borse e zaini grandi. Gli addetti alla sicurezza vaglieranno ogni borsa al metal detector, e se ce ne fosse qualcuna che ritengono inadeguata per l’ingresso, sono a disposizione gli armadietti per i bagagli, sistemati in apposite zone all’interno del Theresienwiese.

Oktoberfest 2020#3. Bagni pubblici

I bagni chimici sono dislocati in diverse aree del parco, ma anche nei capannoni è possibile usufruire della toilette. Decisamente migliori di quelli pubblici, in cui è possibile trovare veramente di tutto. Per non parlare delle condizioni in cui vengono lasciati.

Oktoberfest 2020: stay tuned

Queste, al momento, le uniche news sull’Oktoberfest 2020. Controlla periodicamente il nostro post, che verrà aggiornato man mano che ci saranno nuove informazioni. Nel frattempo, allena il tuo corpo a bere!

Leggi Tutto

Condividi

Cannstatter Volksfest: birra e divertimento!

Dic 22, 2018 da

Cannstatter Volksfest: birra e divertimento!

Cannstatter Volksfest

 

La Cannstatter Volksfest è un’occasione di ritrovo e di festeggiamento, che vi farà apprezzare la bellissima località di Stoccarda!

Cannstatter Volksfest: la storia

La festa ha origine nel lontano 1816. Si narra che quell’inverno il gelo e il maltempo distrussero quasi totalmente il raccolto della regione. Seguì un lungo periodo di fame nel 1817, quando il re, Guglielmo I, organizzò una festa per alleviare il morale dei cittadini e, soprattutto, dei contadini. Così, nel 1818, ebbe luogo la prima festa presso il “Wasen di Cannstatt”, cioè i grandi prati fuori città. Da allora, decennio dopo decennio, questa festa ha assunto dimensioni più grandi, tanto che al giorno d’oggi è conosciuta in tutta Europa e non solo!

Cannstatter Volksfest: curiosità

La Cannstatter Volksfest è stata definita una delle feste popolari più belle al mondo. Grazie ai suoi tendoni, alla sua birra, alla ricercatezza gastronomica, possiamo affermare che questo evento non è meno interessante dell’Oktoberfest di Monaco, anche se rispetto a quest’ultimo, in genere, attira meno turisti e visitatori.

E che cosa succede durante la Cannstatter Volksfest? Tantissime persone del posto, turisti e visitatori festeggiano al ritmo di musica davanti alla “Colonna della Frutta”, alta 24 metri e simbolo contadino di questa festa.

I tendoni della birra possono ospitare fino a 8000 persone, e sono animatissimi di musica, oltre che ricchi di birra e di piatti prelibati. Wurstel, salsicce, crauti, arrosto croccante di maiale, Gockele, sono i piatti più ricorrenti qui, in mezzo a bande musicali in costume che vivacizzano l’ambiente. Ma non solo! Il programma prevede attrazioni per tutta la famiglia, montagne russe, giostre, e una ruota panoramica mobile che viene descritta come la più grande al mondo.

Cannstatter Volksfest-Entrata al WasenIl 1° venerdì dell’apertura, circa alle 20:15, c’è la cerimonia di apertura, con il sindaco di Stoccarda che procede alla spillatura della botte, con l’accompagnamento di scenette locali, attori in costume e musica popolare. Poi, la domenica, ci sono le tradizionali processioni dei carri della birra addobbati, con gruppi musicali provenienti da tutta la regione di Stoccarda.

Alla Cannstatter è possibile scorgere gruppi di persone vestite in modo diverso: sono le tante associazioni presenti a questa festa, che si battono per le proprie piccole o grandi lotte, e si riconoscono per l’abbigliamento griffato.

Dicevamo che la Cannstatter Volksfest è conosciuta non solo in tutta Europa, ma anche nel mondo! Pensate che a Philadelphia, il primo lunedì di settembre viene celebrata una festa con lo stesso nome, e vengono servite specialità gastronomiche bavaresi.

Leggi Tutto

Condividi

Mercatini di Natale a Bolzano: festa e tradizione

Dic 20, 2018 da

Mercatini di Natale a Bolzano: festa e tradizione

Mercatini di Natale a Bolzano- Chalet

 

I mercatini di Natale a Bolzano riescono ad immergere nel loro clima natalizio, riservando ogni anno tante nuove sorprese!

Mercatini di Natale a Bolzano: certificazione “green”

Per prima cosa bisogna dire che vantano di una storia davvero invidiabile in Italia. Infatti, a partire dagli anni ’90, e precisamente dal 1991, Bolzano assieme a Bressanone è stata la prima città italiana ad aver ospitato i tradizionali mercatini di Natale! Solamente dopo, il resto del Trentino Alto Adige e successivamente dell’Italia, hanno cominciato ad allestire i mercatini di Natale secondo lo stile bolzanino, cioè con casette in legno, artigianato locale e gastronomia tipica. Bolzano è anche la prima città inserita nel percorso “cinque stelle”, e anche quella che – grazie all’attenzione ecologica – ha ottenuto la certificazione di “Green Event”!

Mercatini di Natale a Bolzano: i più caratteristici!

I mercatini di Natale a Bolzano sono considerati una meta obbligata per chi passa dall’Alto Adige nel periodo dell’anno attorno all’Avvento.

I mercatini principali si trovano in Piazza Walter, ma vi garantiamo che nel periodo natalizio, tutta la città di Bolzano si trasforma in un enorme carosello natalizio, creato apposta per visitatori e turisti!

L’offerta gastronomica tipica e l’artigianato locale e internazionale diventano qui un “must” imperdibile per tutti. In piazza Walter, sotto la statua del poeta medioevale Walther Von Vogelweide, si trovano le casette in legno, mentre il mercatino di Natale degli Artisti, che si svolgeva in Piazza del Municipio, dal 2017 si è spostato a Chiusa.

Il mercatino di Natale presenta ben 80 espositori, 7 partner e almeno 3 stand gastronomici. Viene anche allestito un grande albero di Natale, oltre ad un fantastico presepe. L’atmosfera che si respira qui è quella di un ambiente familiare e accogliente, con il tradizionale scambio di doni.

Mercatini di Natale a BolzanoI prodotti artigianali rappresentano almeno il 30% dell’esposizione, e pensate che singoli espositori si esibiscono sul palco del Mercatino, proponendo le loro piccole opere d’arte, in collaborazione con gli Artigiani Altoatesini. Come dimenticarsi della gastronomia? Nei diversi stand si trovano specialità sempre fresche e gustose, quali il vin brulè, le frittelle di mele, lo strudel, ma anche gustose salsicce. Per i bambini, poi, sono previsti viaggi sul trenino elettrico, lo spettacolo delle marionette, i giri sulla giostra e un salto in carrozza per visitare la città e il suo centro storico. Specialità tipiche, proprio come quelle bavaresi che si possono gustare all’Oktoberfest di Monaco, durante la festa della birra più famosa non solo della Germania, ma del mondo.

Tutto questo, e molto altro, vi aspettano numerosi e gioiosi durante i mercatini di Natale a Bolzano nel periodo più magico dell’anno!

Leggi Tutto

Condividi

Herbstfest, l’Oktoberfest di Rosenheim

Nov 21, 2018 da

Herbstfest, l’Oktoberfest di Rosenheim

Herbstfest-Festa della birra

 

L’Herbstfest di Rosenheim è la festa della birra che si tiene in città da fine agosto a metà settembre, e che si svolge al Loretowiese, il parco che da sempre ospita la kermesse.

Herbstfest di Rosenheim: l’ennesimo Oktberfest?

Si tratta di un appuntamento immancabile per gli amanti della bionda più famosa al mondo, e non è l’ennesimo fac-simile dell’Oktoberfest di Monaco, ma una festa con radici solide, che non ha niente da invidiare alle altre manifestazioni bavaresi legate alla bevanda a base di luppolo.

L’Herbstfest di Rosenheim è di dimensioni minori, con prezzi più contenuti e, cosa forse più importante, offre la possibilità di ordinare anche il mezzo litro. Una soluzione interessante per coloro che, seppure non siano grandi bevitori, vogliono regalarsi una giornata o un weekend a questo evento.

Herbstfest di Rosenheim: la storia

Le origini dell’Hersbtfest di Rosenheim risalgono al Medioevo, quando i cittadini proposero di allestire una fiera agricola. Il risultato fu una giornata tra canti e balli, e solo a partire dagli anni ’20, l’evento si trasformò nella festa della birra così come la conosciamo oggi.

Herbstfest di Rosenheim: i momenti clou

Durante il giorno di apertura, si tiene la parata dei carri dei birrifici, con la tradizionale sfilata dei carri dei birrifici e con la spillatura del primo boccale da parte del sindaco.

Herbstfest di RosenheimImportante, poi, la prima domenica, la Messa di Ringraziamento, che si conclude con una processione al Loretowiese. Un momento molto sentita dai cittadini, perché richiama le origini contadine della festa della birra. Lo stesso vale per il celebre sermone del pastore, durante il quale si prega per la buona riuscita della festa.

Anche i più piccoli troveranno, durante la giornata del family day, qualcosa per loro: i truccabimbi e i giocolieri sono a loro disposizione, per far loro compagnia, mentre mamma e papà, grazie agli sconti e alle promozioni dedicate alla famiglia, si possono concedere una bella birra ghiacciata. Non male, no?

Herbstfest di Rosenheim: si paga?

L’Herbstfest di Rosenheim è da sempre un evento a ingresso libero, e si pagano solo le consumazioni di birra e le (eventuali) corse sulle giostre.

Leggi Tutto

Condividi

Capodanno a Cracovia: consigli utili

Nov 20, 2018 da

Capodanno a Cracovia: consigli utili

Capodanno a Cracovia-Fuochi

 

Il capodanno a Cracovia è sinonimo di Mercato dei Tessuti, luogo davanti al quale tutti si danno appuntamento per festeggiare l’arrivo del nuovo anno ormai alle porte.

Due sono le alternative per la serata: la tradizionale festa in strada, con intrattenimento già dal pomeriggio, e il domòwka, il party in famiglia.

Capodanno a Cracovia: brindando in strada

Per chi sceglie di accogliere il 1° gennaio in strada, l’orario di “ritrovo” è alle 20.30, quando in centro iniziano i primi concerti con gli artisti nazionali, che tra brani di repertorio e canti natalizi fanno compagnia fino allo scoccare della mezzanotte. Con il suono delle campane della Chiesa di Santa Maria prima, e i fuochi d’artificio dopo, si saluta la notte più pazza dell’anno, quella di San Silvestro, e ci si scatena per iniziare con il botto i nuovi 365 giorni a venire.

Le zone prese d’assalto sono solitamente il quartiere di Nowa Huta, o piazza Rynek Podgórski, dove tra musica, balli e spettacoli, si fa festa fino al mattino. Perché il capodanno a Cracovia è divertimento in grande stile, nonostante il freddo pungente!

Capodanno a Cracovia: festa in casa

Chi preferisce festeggiare il capodanno a Cracovia in famiglia organizza il la festa in casa che, oltre alla cena, include anche balli tradizionali e moderni, per allietare gli spiriti e accogliere in grande stile il nuovo.

Capodanno a Cracovia- Città by nightLa notte di San Silvestro viene anche spesso celebrata in casa, con il tradizionale domòwka, un cenone-festa che si protrae fino a notte inoltrata. Il buffet è a base di piatti tipici, tra cui i Pierogi, i panzerotti in doppia versione (dolce e salata), il Bigos, un piatto a base di carne, spezie e crauti, il Sermik, la cheesecake polacca e la Babka, la torta lievitata senza ripieno, coperta con la glassa. L’alcool scorre a fiumi e si canta e si balla tutti insieme, assaporando il concetto di “festa in famiglia”, com’è giusto che sia il periodo natalizio.

Chi non ha mai vissuto il domòwka, quando ne sente parlare, lo scambia per una specie di Oktoberfest di Monaco casereccio: cibo tipico, birra (e vino e vodka) a volontà, e divertimento assoluto. In realtà si tratta di una tradizione tipica polacca, con caratteristiche proprie, e che viene vissuta con grande importanza.

Leggi Tutto

Condividi

Capodanno a Vienna: classico e mondano

Nov 17, 2018 da

Capodanno a Vienna: classico e mondano

Capodanno a Vienna-Fuochi d'artificio

 

Sulle note di walzer e Strauss, il capodanno a Vienna fa scoprire il suo lato classico, che si mescola alla bella vita e all’esperienza unica della notte più magica.

Capodanno a Vienna: alcuni eventi imperdibili

Durante la notte di San Silvestro, prima di tutto, il classico cenone può essere consumato in ristoranti di alto livello, oppure in taverne più economiche ma molto gustose, in cui mangiare piatti tipici e bere vini viennesi.

Il cuore della festa è Silvesterpfad, la zona che si trova davanti al Municipio e che si estende fino al Prater. Proprio al Prater ci saranno bellissimi spettacoli pirotecnici alla mezzanotte, accompagnati dai rintocchi della Pummerin, la campana della Chiesa di Santo Stefano. In tutto il tragitto a piedi troverete bancarelle che servono carne alla griglia, gulasch e punch caldo. Sin dal pomeriggio, le vie si popolano di artisti e di danzatori di walzer, che danno anche lezioni ai turisti! Anche a capodanno, è possibile prenotare una crociera sul Danubio, in cui è servita anche una gustosa cena.

Sempre al Prater c’è la ruota panoramica, o per i più coraggiosi un jet privato che permettere di ammirare Vienna dall’alto. Come non parlare, poi del Majestic Imperator, chiamato anche “il palazzo su rotaie”, mentre consumano una cena di gala.

Gli amanti della musica classica possono assistere al Concerto, che si tiene all’Opera di Stato di Vienna, sulle note di Strauss. Attenzione, l’evento è stupendo ma i prezzi sono elevati, ed è obbligatorio prenotare molto tempo prima.

Capodanno a Vienna-MercatiniEsiste anche la possibilità di partecipare al Gran Ballo Imperiale, più accessibile economicamente. Per i giovani che amano la musica dance, invece, ci sono alcuni locali e discoteche, quali Chelsea, il B72 e il Rhiz. Altrimenti c’è il Fluc per gli amanti di musica elettronica, o il Praterdome, discoteca a quattro piani tra le più grandi d’Europa!

Chi ama il gioco d’azzardo, anche a capodanno può fare una puntata al casinò!

Capodanno a Vienna: assaggiando le birre austriache

Il capodanno a Vienna è anche l’occasione per assaggiare le birre tipiche austriache, che sono una variante della classica tipologia lager. Con il loro colore generalmente ambrato e il gusto delicato, conquistano i palati anche più sofisticati, e non si trovano all’Oktoberfest di Monaco, dove vengono servite solo quelle tedesche.

Leggi Tutto

Condividi

Capodanno a Parigi: magia che diventa realtà

Nov 5, 2018 da

Capodanno a Parigi: magia che diventa realtà

Capodanno a Parigi-Fuochi d'artificio

 

Capodanno a Parigi è… il sogno di molti. Il must per iniziare il nuovo anno, nella capitale dell’amore, tra baci e coccole sotto la Tour Eiffel, come nei più romantici dei film ambientati in Francia.

Capodanno a Parigi: on y va!

Per il capodanno a Parigi l’ideale è, nel limite del possibile, di non badare a spese. Forse è proprio per questo che i lussuosi Bateaux Mouches risultano puntualmente tutti esauriti. Cena a lume di candela sul battello lungo la Senna non è di certo una cosa che si fa tutti i giorni.

Così come assistere a uno spettacolo di teatro o cabaret nei quartieri alti, per festeggiare in grande stile il nuovo anno da poco iniziato.

Chi preferisce la zona degli Champs Elysees per brindare al 31 dicembre ormai agli sgoccioli, deve mettere in conto l’incredibile folla che presente, che dopo la mezzanotte si sposta in zona dell’arco di Trionfo, per assistere al laser game.

La folla gremita, il clima di festa e spensieratezza che si respira al capodanno a Parigi richiama lo scenario dell’Oktoberfest di Monaco, dove tra fiumi di birra e canzoni popolari bavaresi, i duri di stomaco trovano il loro Eden. Esattamente come nella capitale francese per chi crede nell’amore, in tutte le sue sfumature.

Capodanno a Parigi: la Bûche de Noël

Capodanno a Parigi-FuochiLe feste a Parigi sono anche l’occasione per assaggiare la celebre Bûche de Noël, il tronchetto di Natale, un vero e proprio must che non può assolutamente mancare in tavola. Nonostante si tratte di un dolce semplice, è di forte impatto visivo, e una volta in bocca, conquista tutti i palati, compresi quelli che, solitamente, preferiscono il salato.

Capodanno a Parigi: curiosando tra i mercatini di Natale

Durante il capodanno a Parigi non si può non fare un giro ai mercatini di Natale, visitando gli chalet che, quasi magicamente, trasformano le piazze principali in uno scenario da fiaba, mentre le note della vie en rose risuonano nell’aria, magari durante una nevicata. Fotogrammi quasi da film, ma si sa, Paris è Paris, e tutto può succedere.

Leggi Tutto

Condividi

Oktoberfest 2019- prime anticipazioni

Set 10, 2018 da

Oktoberfest 2019- prime anticipazioni

Oktoberfest 2019

 

A giorni inizia l’edizione 285, ed ecco che sono state rese note le prime anticipazioni sull’Oktoberfest 2019. Di seguito le prime news, a cui seguiranno, nel corso dei prossimi mesi, tutti gli aggiornamenti, man mano che ce ne saranno.  Intanto, da segnare assolutamente, le date: da sabato 21 settembre a domenica 6 ottobre, al solito posto e con i soliti orari.

Oktoberfest 2019: orari

Come sempre, il giorno di apertura, il primo sabato, si aprirà con la tradizionale sfilata dei carri dei birrifici, che partendo dal centro di Monaco, si snoderà per un percorso di 5 km, arrivando al Theresienwiese. L’orario, se come quello di quest’anno, sarà alle ore 10.45, a cui seguirà, alle 12 in punto, l’apertura della prima botte da parte del sindaco, che offrirà al Primo Ministro bavarese il primo boccale. Al suo “O’ zapft is!”, “è stappato!”, verranno sparati i colpi di cannone, per segnare l’inizio ufficiale della manifestazione.Da mezzogiorno in poi, i capannoni serviranno da bere.

Per il secondo giorno è prevista la sfilata con i costumi bavaresi, a cui partecipano tutte le figure storiche di questa festa della birra. Seguendo un percorso più lungo, si concluderà al parco, tra gli sguardi curiosi del pubblico.

L’ultimo giorno dell’Oktoberfest 2019, domenica 6 ottobre, si terrà il saluto finale davanti la statua della Baviera. Tutti, con i boccali alzati, si daranno appuntamento al 2019, e i colpi di cannoni segneranno la fine ufficiale della manifestazione della birra più famosa al mondo.

Gli orari di apertura dei capannoni e delle attrazioni, dal secondo giorn in poi, saranno i seguenti:

TENDONI:

lunedì-venerdì: 10-22.30
sabato, domenica e festivi: 9-22.30

STAND DI CIBO E SOUVENIR:

lunedì-giovedì: 10-23.30
venerdì e sabato: 9-24.00
domenica: 9-23.30

LUNA PARK:

lunedì-giovedì: 10-23.30
venerdì e sabato: 10-24.00
domenica: 10-23.30

Oktoberfest 2019: cash only

All’Oktoberfest 2019, come per tutte le edizioni precedenti, sarà possibile pagare le consumazioni e i prezzi delle giostre solo ed esclusivamente in contanti. All’interno del parco sono presenti diversi sportelli ATM, dove si può prelevare per farsi qualche boccale in più o per portare a casa un souvenir stile bavarese.

Oktoberfest 2019: come sposarsi

Oktoberfest-TendoniPer raggiungere il parco è possibile prendere la metrò, il cui costo del biglietto è di 1,50€ (1,40€ se si paga con carta di credito). La linea  U4  e U5 ferma a Theresienwiese, mentre la U3 e la U6 a Goetheplatz.

Oktoberfest 2019: prezzi della birra

I prezzi del litro di birra all’Oktoberfest 2019 verranno resi noti più avanti, ma quello che possiamo presumere è che ci sarà un aumento, come è sempre stato tra le varie edizioni. Non appena avremo il listino, lo inseriremo in questa sezione.

Leggi Tutto

Condividi

Birra casereccia: istruzioni all’uso

Ago 29, 2017 da

Birra casereccia: istruzioni all’uso

Birra casereccia- kit per la preparazionePreparare la birra casereccia è impossibile? La risposta è no, è assolutamente possibile. Oltre alla preparazione di dolci con la bevanda, anche la preparazione di essa è fattibile. Ovviamente non deve mancare la voglia e la pazienza di mettersi alla prova.

La birra casereccia è per lo più un’idea per gli amanti. Per quelle persone che cercano sempre la birra artigianale e che approvano la birra in bottiglia in poche occasioni. Per quelli che cercano il gusto particolare, per gli amanti della bevanda e per i facoltosi di cucinarla.

Una storia che potrebbe spingere verso l’idea di mettersi ai fornelli a prepararla arriva da molto lontano. Infatti si dice che la birra fu proprio inventata da una donna mentre trattava i cereali in cucina. Ora è proprio nella nostra cucina che dovremmo concentrarci per realizzare una buona bevanda.

Birra casereccia: come prepararla

È un gioco da ragazzi preparare una buona birra nella propria cucina. Possono provarci tutti perché non è un lavoro al di fuori della portata di nessuno. Per ottenere una buona birra non si utilizzeranno coloranti o conservanti artificiali, genuina e naturale.

Per preparare la bevanda il casa si avrà bisogno di un kit di fermentazione birra, acquistabile su molti siti italiani. Oltre al kit, per la preparazione ci sarà bisogno di bottiglie vuote, zucchero, pentola capiente e acqua. Molti sono i modi per farsi la birra in casa, ma i più diffusi sono due.

  • Il primo è il sistema dei Kit Luppolati. Si tratta di latte contenente malti già pronti per l’uso. Questo dovrà solo semplicemente diluito in acqua e fatto fermentare. Questa tecnica non permette molto di caratterizzare la propria birra, ma se i kit sono buoni si potranno ottenere birre di livello discreto. Molto meglio di alcune birre industriali.
  • Il secondo metodo è quello dell’estratto più grani. In questo sistema si utilizza l’estratto di malto non luppolato, lievito, luppolo e una piccola quantità di grani speciali. Questi non hanno tanto la funzione di costruire materiale fermentabile, ma di contribuire al sapore e al colore della birra.

Birra casereccia: la Ginger Beer

Per gli appassionati dei paesi anglosassoni la bevanda prediletta è la Ginger Beer. Difficile da trovare in Italia, la birra allo zenzero a bassissima gradazione alcolica (circa 0.4%) si può facilmente cucinare. Il ricordo delle birre di un viaggio passato è un ottimo spunto per mettersi ai fornelli.

Birra casereccia- Ginger BeerLa Ginger Beer è fattibile in pochi giorni, grazie alle proprietà della fermentazione indotta dal lievito della birra. Cioè un fungo che si nutre di zuccheri e produce come scarto l’alcol etilico e anidrite carbonica. In questo modo otterremo una bevanda gassata naturalmente anche utilizzando l’acqua naturale. Questa birra andrà servita fredda ovviamente.

Per la preparazione di questa birra avremo bisogno di una bottiglia di plastica da 1.5 l sterilizzata. Le bottiglie di vetro sono inutilizzabili perché potrebbero esplodere a causa della pressione interna che crea la fermentazione. Un controllo dopo le 24 ore sarà opportuno per evitare una eccessiva tensione della bottiglia.

Gli ingredienti da usare per 1.5 l saranno: 50 g di zenzero grattugiato o il succo centrifugato, 1 bicchiere di zucchero di canna, succo di un limone, ¼ di cucchiaino di lievito di birra granulare e acqua naturale a riempire la bottiglia di plastica.

La prima cosa da fare sarà quella di versare lo zucchero e il lievito nella bottiglia attraverso un imbuto asciutto. A questo punto di aggiungerà lo zenzero (succo o polpa), il succo del limone. Questi si mescoleranno bene mentre si aggiungerà l’acqua fino a riempire la bottiglia lasciando una decina di cm liberi.

La bottiglia ora verrà chiusa con il tappo e messa a riposare in un luogo caldo per circa 48 ore. In inverno un luogo ideale potrebbe essere vicino al termosifone, mentre d’estate non ci sono problemi di location. Dopo 48 ore la bottiglia dovrà essere tesa e gonfia.

Si dovrà faticare a creare una depressione spingendo con il dito per la plastica tesa e dura. A questo punto, facendo molta attenzione, si dovrà aprire su un lavandino. Si consiglia prudenza perché sarà esattamente come aprire una bottiglia di spumante.

La bevanda verrà messa in frigorifero fino al momento opportuno per consumarla. Il tappo dovrà essere leggermente svitato per permettere alla fermentazione di continuare il suo processo.

Birra casereccia: il sorbetto a base di luppolo

Birra casereccia- SorbettoPer combattere il calore esagerato delle stagioni estive o per rinfrescarsi la bocca, cosa è meglio di un buon sorbetto? Nulla direi, forse solo la birra. Quindi perché non unirle per creare qualcosa di rinfrescante al quadrato.

Il sorbetto alla birra nasce come dolce e dessert di fine pasto. Ottimo per digerire un pranzo pesante e per pulire la bocca prima di un buon caffè. Leggero, è perfetto anche quando la pancia è piena. Il sorbetto però lo si può prendere in qualsiasi occasione e la preparazione è alla portata di tutti.

Gli ingredienti per ottenere un buon sorbetto sono: 200 gr di zucchero, 2 bicchieri di birra rossa, 2 albumi, 2 acini d’uva chiara, sale e 10 gr di zucchero a velo. Le birre consigliate sono una rossa come la Moretti Rossa o la Porter House Red.

Per prima cosa si dovrà preparare uno sciroppo versando due bicchieri d’acqua in un pentolino sul fuoco. Nello sciroppo andrà aggiunto lo zucchero e verrà poi portato all’ebollizione. Dopo questo verrà tolto dal fuoco e fatto raffreddare. Nel mentre gli albumi dovranno essere montati a neve insieme ad un pizzico di sale e lo zucchero a velo.

Preparata la meringa di albumi, della birra sarà aggiunta allo sciroppo di zucchero. Il liquido verrà poi aggiunto agli albumi montati a neve. Il composto dovrà essere posto in una gelatiera. Quando saranno uniti anche gli acidi d’uva bisognerà azionare la macchina per una decina di minuti.

Quando il tempo sarà passato il tutto dovrà essere mescolato con una spatola di legno. Alla fine dovrà essere fatto indurire in frigorifero nello scomparto per surgelati. Quando sarà pronto andrà servito guarnendolo con uva e dolcetti secchi. Avrete così ottenuto un perfetto sorbetto alla birra.

Leggi Tutto

Condividi

Oktoberfest 2018 – le prime news

Mar 3, 2017 da

Oktoberfest 2018 – le prime news

Con ancora negli occhi lo spettacolo dell’edizione 2017 della Festa della Birra made in Germany, siamo già qui con le prime notizie riguardo l’Oktoberfest 2018. Si sa, chi beve birra, non perde tempo!
Innanzitutto, le date: l’Oktoberfest 2018 inizierà sabato 22 settembre e si concluderà domenica 7 ottobre, con le cerimonie di apertura e di chisura che si svolgeranno sotto gli occhi curiosi di milioni di turisti (circa 6, sulla base delle edizioni passate), rinconfermandosi momenti clou di quello che, oltre ad essere il festival della bionda più amata, è anche un momento di festa da vivere (eventualmente) con famiglia e amici.

Oktoberfest 2018: orari

Tendoni, bancarelle e attrazioni: questi i tre elementi presi d’assalto da chi entra al Theresienwiese per l’Oktoberfest 2018, il parco dove si tiene la festa.
I tendoni saranno aperti come indicato di seguito, e chiuderanno non dopo le 23.30, tranne il Käfer Wiesn-Schänke” e il “Weinzelt”, che rimarranno aperti fino alle 01.00, con l’ultima chiamata alle 00.15.

  • Giorno di apertura: 12.00-22.30
  • Giorni feriali: 10.00-22.30
  • Sabato, domenica e giorni festivi: 09.00-22.30
  • Quotidiano orario di chiusura: 23.30

Per quanto riguarda le mitiche bancarelle, in cui è possibile comprare gadget e souvenir, ma anche cibo tipico bavarese, gli orari saranno i seguenti:

  • giorno di apertura: 12.00-00.00
  • Lunedì- giovedì: 10.00-23.30
  • Venerdì: 10.00-00.00
  • Sabato: 09.00-00.00
  • Domenica: 09.00-23.30

Le attrazioni e le giostre, invece, che conquistano ogni anno non solo i più piccoli, ma anche coloro che, dopo qualche boccale di troppo vogliono lasciarsi andare, avranno i seguenti orari:

  • giorno di apertura: 12.00-00.00
  • Lunedì- giovedì: 10.00-23.30
  • Venerdì-sabato: 10.00-00.00
  • Domenica: 10.00-23.30

Oktoberfest 2018: il calendario

Al momento non sono molti gli eventi in programma per l’Oktoberfest 2018, quindi inizieremo con quelli di cui abbiamo già notizie, per poi inserire tutti gli altri in un secondo tempo. Uno stay tuned è quindi quasi d’obbligo!

Oktoberfest 2018 – Sabato 22 settembre

Tradizionale parata guidata dal sindaco di Monaco, che a mezzogiorno in punto darà il via ufficiale con l’apertura del primo barile di birra, accompagnato dal botto del cannone. Dopo la prima bevuta, inizierà ufficialmente l’Oktoberfest 2018, in cui vige la regola di bere, pur sempre rispettando le regole di comportamento previste.

Oktoberfest 2018 – Domenica 23 settembre

Alle 10.00 inizierà la sfilata in abiti tradizionali, con la presenza di circa 8.000 partecipanti che cammineranno per le strade della città seguendo un percorso di 7 Km. Il tutto accompagnati dai carri trainati dai cavalli con le varie botti e dalle bande comunali. Musica e divertimento, anche in questo caso, sono assicurati.

Oktoberfest 2018 – Domenica 30 settembre

A partire dalle 11, vai di musica! L’appuntamento è infatti con I gruppi che si esibiranno durante la mattinata, coinvolgendo I presenti, che siano turisti, curiosi o amanti del genere musicali. Si scateneranno tutti, senza ombra di dubbio!

Oktoberfest 2018 – Domenica 7 ottobre

Per l’ultimo giorno dell’Oktoberfest 2018, ci sarà il tradizionale saluto alla festa alle 12.00, un arrivederci all’anno successivo a colpi di pistola sui gradini del monumento della Baviera.

Oktoberfest 2018: tenetevi aggiornati qui!

Queste sono solo le prime novità legate al festival della birra edizione 2018. Man mano che ci saranno aggiornamenti, li inseriremo qui in tempo reale, quindi tenete d’occhio questa pagina!

Leggi Tutto

Condividi

Oktoberfest 2017

Set 16, 2016 da

Oktoberfest 2017

Ben ritrovati, carissimi appassionati di buona birra, musica, tradizione, cultura! In una parola, per noi italiani: Oktoberfest 2017!
La scelta del carattere tedesco nel nostro sito non è casuale. Carattere tedesco! Già: i nostri eterni rivali del pallone oltre che, negli ultimi anni, dello spread finanziario, riescono a ripagarci con un vero spettacolo a tutti i livelli, tanto da farlo risultare il più grande festival di tutto il mondo!

L’Oktoberfest nel 2017

L’Oktoberfest 2017 sarà l’edizione numero 184, e di certo l’evento più atteso per tutta Monaco!
La particolarità sarà la durata della festa: si inizierà come di consueto il penultimo weekend di settembre e si concluderà il primo weekend di ottobre. Ma… il 3 ottobre sarà una data importante per la Germania, essendo il giorno dedicato alla memoria della riunificazione del Paese del 1990! Perciò, ci saranno due giorni in più di festa, e l’evento terminerà martedì 3 ottobre 2017 e non domenica 1 ottobre!
Dalla stupenda ruota panoramica potrete ammirare, quindi, un evento che avrà risalto nazionale e non solo una festa locale, benchè immensa!
Due giorni in più per tutti anche per godersi le attrazioni di più moderna tecnologia e, per i più avventurosi, oltre alla ruota panoramica: la giostra Krinoline, l’altalena delle streghe, lo scivolo Taboga, il disco di legno rotante o ruota del Diavolo, i giochi di prestigio dello Schichtl, le esibizioni motociclistiche nel tipico cilindro di legno bavarese detto Pitts Todeswand, senza dimenticare l’Olympia Looping, cioè il più grande ottovolante al mondo!

Perché con i nostri pullman all’Oktoberfest 2017

Da quest’anno, i visitatori non tedeschi che raggiungeranno Monaco con la propria automobile, percorrendo l’autostrada nazionale, dovranno pagare un ulteriore pedaggio che si aggirerà attorno ai 100€ annui.
Viaggiare con noi da anni significa non avere problemi anche per l’aspetto “alcolico”, oltre che di parcheggio: appena fuori da Monaco, infatti, è pieno di controlli. E il massimo tasso alcolico consentito in Germania è di 0,05% nel sangue, 0% per i minori di 21 anni e per i professionisti.
Approfittare, dunque, per uno dei nostri viaggi all’Oktoberfest, significherà godersi un evento imperdibile – ancor più nel 2017 – e senza preoccupazioni!

Un po’ di storia per collegarci al presente

storia oktoberfest - gruppo

Pensate che tutto iniziò nel lontano 12 ottobre 1810, quando il Principe Ludwig di Baviera sposò Teresa di Sassonia.
La festività che ne seguì durò ben cinque giorni, che terminarono con una corsa di cavalli sul Theresenviese, un prato poco fuori città, che prende il nome proprio dalla novella sposa! Erano già le basi per il nostro Oktoberfest, perché ancora oggi, ogni quattro anni, la fiera dei cavalli viene celebrata.
E da allora, come accade per le più belle manifestazioni, fu un crescendo di festa! L’amata, ottima birra che – ricordiamo – favorisce la produzione di serotonina da parte del nostro organismo, fece la sua prima apparizione nel 1818, assieme alle prime giostre del Luna Park. A fine ‘800 ecco la nascita dei primi birrifici storici di Monaco, diventando gli unici fornitori di birra dell’Oktoberfest, con la diffusione del boccale da litro, simbolo della festa!
Durante la Seconda grande guerra, l’Oktoberfest non fu celebrata, e nel 1950 alcune derive neonaziste, tra cui un certo Gundolf Köhler fecero esplodere una bomba nel Theresenviese, uccidendo tredici visitatori e ferendone duecento. Proprio nel 1950 il sindaco Thomas Wimmer introdusse una nuova usanza. Ebbene sì: nel giorno della cerimonia d’apertura, al momento di stappare la prima botte di birra nella tenda di Schottenhamel, egli avrebbe gridato “Ozapft is!” (la botte è stata aperta). Queste parole segnano da più di mezzo secolo l’inizio dei festeggiamenti. A dispetto dell’attentato del 1950, la risposta dei visitatori è stata – subito dagli anni successivi – quella di una massiccia partecipazione, e così dovrebbe essere anche nell’epoca odierna: partecipazione, condivisione, festa senza paura!
Theresenviese vanta uno spazio di quattrocentroventimila metri quadrati, dove trovate i sei birrifici storici autorizzati con la loro specifica Märzen. Gli stand della birra, i Bierzelte, un enorme Luna Park, i chioschi con le loro tipiche prelibatezze della cucina bavarese e i gadget ricordo: una vera opera d’arte e di divertimento a cui è impossibile non partecipare almeno una volta nella vita (ma anche due, tre quattro…).
Dal prato è ben visibile la suggestiva statua della Baviera, fatta realizzare su commissione di Luigi I nel 1850. Possibile salirci tramite una scalinata: da sopra si può ammirare tutto il Theresenviese!
Altrettanto impossibile perdersi la Sfilata Inaugurale dell’Oktoberfest 2017 che si svolgerà la domenica del primo weekend dalle 10 alle 12 circa, con splendidi carri, musica bavarese, percorrendo le vie principali di Monaco per ben 7 km! Tutto ciò per una media di ben 6 milioni di visitatori per ogni edizione, e tutti in festa!

Leggi Tutto

Condividi

La Wiesnzelt – L’Oktoberfest dopo l’Oktoberfest!

Lug 24, 2015 da

La Wiesnzelt – L’Oktoberfest dopo l’Oktoberfest!

Il 18 settembre si riparte: nella Stiglmaierplatz di Monaco l’atmosfera di festa sotto il tendone è garantita. Nella “Wiesnzelt“ trovate tutto ciò ci si aspetta da una visita all’Oktoberfest: una banda live che assicura l’atmosfera giusta, belle ragazze e bei ragazzi che ballano sui tavoli e, ovviamente, non può mancare la birra dell’Oktoberfest. Qui da mercoledì a sabato l’atmosfera dell’Oktoberfest è garantita.

Si continua senza sosta nella discoteca Gong 96,3 “Wiesnzelt“ Clubbing. Qui si fa festa tutti i giorni, tranne la domenica, a partire dalle ore 22:00 con i migliori DJ di Monaco. Con le tre zone Clubbing e senza orario di chiusura ce n’è per tutti i gusti.

Prenotate ora i Biglietti Leggi Tutto

Condividi

Oktoberfest 2013: quasi al via i lavori di allestimento

Lug 8, 2013 da

Oktoberfest 2013: quasi al via i lavori di allestimento

L’Oktoberfest è  una delle feste popolari più conosciute e frequentate al mondo, con 14 tendoni della birre, centinaia di giostre, migliaia di bancarelle e milioni di visitatori.
La festa è sempre stata organizzata nello stesso punto: nel prato che nel corso degli anni ha preso il nome di Theresenwiese e che oggi arriva ad occupare un’area di 42 ettari.

I lavori di allestimento per l’Oktoberfest 2013 inizieranno ufficialmente il 15 Luglio 2013.
Guarda come si presenta oggi il Theresenwiese di Monaco:

Leggi Tutto

Condividi

I prezzi ufficiali della birra dell’Oktoberfest 2013

Giu 25, 2013 da

I prezzi ufficiali della birra dell’Oktoberfest 2013

Ogni anno l’Oktoberfest suscita grandi attese …
a Giugno sempre si aspettano i prezzi ufficiali della Mass (misura bavarese della birra = 1,069 Litri).

 

 

 

 

Ecco qui di seguito i prezzi ufficiali della birra all’Oktoberfest 2013:

TendonePrezzo 2013
Armbrustschützen-Festzelt
€ 9,85
Augustiner-Festhalle
€ 9,60
Bräurosl
€ 9,80
Fischer-Vroni
€ 9,80
Hacker-Festzelt
€ 9,80
Hippodrom
€ 9,80
Hofbräuhaus-Festzelt
€ 9,75
Käfer Wies'n Schänke
€ 9,80
Löwenbräu-Festzelt€ 9,85
Ochsenbraterei
€ 9,70
Paulaner-Festhalle
€ 9,80
Schottenhammel-Festhalle
€ 9,85
Ammer
€ 9,40
Fisch-Bäda
€ 9,50
Glöckle Wirt
€ 9,70
Haxnbraterei
€ 9,50
Heimer Enten- und Hühnerbraterei
€ 9,50
Heinz Wurst- und Hühnerbraterei
€ 9,50
Kalbskuchl
€ 9,60
Münchner Knödelei
€ 9,70
Poschner's Hühner- und Entenbraterei
€ 9,60
Vinzenz Murr Metzgerstubn
€ 9,40
Wildmoser's Hühner- und Entenbraterei
€ 9,70
Wirtshaus Schichtl
€ 9,60
Zum Stiftl
€ 9,70
Zur Bratwurst
€ 9,70
Festzelt Tradition (Oide Wiesn)
€ 9,60
Herzkasperl-Festzelt (Oide Wiesn)
€ 9,70
Museumszelt (Oide Wiesn)
€ 9,40

Visualizza tutte le soluzioni di viaggio per l’Oktoberfest 2013.

 

Leggi Tutto

Condividi

Festa della birra a Milano

Giu 5, 2013 da

Festa della birra a Milano

Birra + Rock l’accoppiata vincente!
Dalla passione per la buona musica e per la buona birra nasce un evento che coniuga musica dal vivo e degustazione di birra: il Rockoberfest!
Un contest di musica rock aperto a tutte le band, emergenti e non, organizzato a Vizzolo Predabissi, vicino a Melegnano e alle porte di Milano … un evento pensato per stare in compagnia, divertirsi, bere birra e perchè no?!? vincere un viaggio come premio ad uno dei tanti giochi a tema organizzati durante la serata.

Guarda tutte le foto dell’edizione 2012.

Giunto alla sua 2° edizione, il Rockoberfest è la festa della birra di Milano organizzata in onore della festa della birra per eccellenza: l’Oktoberfest di Monaco.

 

Leggi Tutto

Condividi

Fruehlingsfest Stoccarda 2013

Mag 22, 2013 da

Fruehlingsfest Stoccarda 2013

 

Dal 20 Aprile al 12 Maggio si è tenuta la Fruehlingsfest a Stoccarda.
Per chi non ne avesse mai sentito parlare si tratta della Festa della birra, in versione primaverile, insomma la stessa festa che in autunno a Stoccarda si chiama Cannstatter … la sorella della mitica Oktoberfest di Monaco.

 

 

 

 

Per farsi un’idea della festa, dei capannoni, dell’atmosfera che si respira sotto i tendoni, della musica, di quello che si può bere e mangiare, guarda questo video:

La Fruehlingsfest è la stessa festa della Cannstatter ma con un’atmosfera più hot e non solo per le temperature … la minor frequentazione permette di godersi al meglio lafesta, permettendo di entrare in diversi tendoni senza dover fare lunghissime code in ingresso e provando diversi tipi di birra.

Quando si raggiunge Stoccarda però consigliamo di non perdersi un giro in centro città.

Guarda tutte le foto del gruppo Club Magellano, alla Cannstatter di primavera dal 10 al 12 Maggio 2013:

… siamo tornati carichi e … pronti per ripartire per la Cannstatter autunnale.

 

Leggi Tutto

Condividi

In uscita – “Come sopravvivere alla festa più pazza del mondo”

Mag 14, 2013 da

In arrivo in tutte le migliori librerie la Guida dell’Oktoberfest con tutta vera storia, gli appuntamenti, la descrizione dei capannoni, e tutti i consigli per sopravvivere alla festa della birra più pazza del mondo!

Guida all'Oktoberfest

Guida all’Oktoberfest

 

E per chi viaggia con noi, la guida è in regalo!!

Leggi Tutto

Condividi

Oktoberfest di Primavera – Monaco

Mag 13, 2013 da

Oktoberfest di Primavera – Monaco

Dal 3 al 5 Maggio siamo stati a Monaco … Oktoberfest di Primavera o Fruheling Fest … semplicemente fantastica!!
La stessa festa ma con un’atmosfera più hot non può essere più azzaccato per definirla: stessa festa della birra di settembre/ottobre ma con temperature primaverili e con possibilità di entrare e uscire dai capannoni, senza dover fare code per entrare nei capannoni, senza continui passaggi in mezzo alla folla per camminare … senza quegli aspetti stressanti dell’Oktoberfest ci si gode di più la birra, si gira bene tra i capannoni e tra le giostre e si riesce anche a fare un bel giro in città.

Ecco a voi alcune foto del weekend dal 3 al 5 maggio 2013:

La compagnia era bella, il gruppo è rimasto unito … niente più delle parole dei nostri amici che hanno partecipato e che hanno vissuto questo Oktoberfest di Primavera, possono raccontare questo weekend:
Buongiorno a tutti,
volevo dare un feed back per la gita in oggetto terminata ieri sera:
estremamente positivo sotto tutti gli aspetti che ci ha permesso di effettuare una gita fantastica anche con l’aiuto del tempo.
Ottimo l’hotel, autista Luca simpatico, celere e estremamente paziente e con il gruppo che si è formato; mi sa che anche lui ha passato anche qualche momento divertente nelle tappe e durante il viaggio.
Ottima performance anche di Fabio sia professionalmente che per le capacità di relazione con i partecipanti della gita consigliandoci in modo razionale come era meglio affrontare sia il viaggio che la permanenza a Monaco negli stand della festa.
Complimenti anche a tutti i partecipanti che hanno reso molto piacevole il viaggio.
Marco Boiocchi

Leggi Tutto

Condividi

Oktoberfest, primato italiano

Mar 18, 2013 da

Oktoberfest, primato italiano

Pur essendo conosciuta e apprezzata in tutto il mondo, la festa della birra di Monaco è diventata per gli italiani un punto di riferimento del divertimento all’aria aperta.
La partecipazione è andata crescendo di anno in anno fino a raggiungere e attestarsi a quota 20% (statistiche dell’Ufficio del Turismo di Monaco di Baviera) sul totale delle presenze.
Tra i tre di festa, il secondo weekend è sicuramente quello preferito dagli italiani, tanto che questo periodo è stato soprannominato il “fine settimana italiano”.
Un primato tutto italiano che non sempre ci dà merito: in diverse occasioni gli italiani si fanno riconoscere per i problemi sollevati, la mancanza di rispetto per le istituzioni e le regole e le incomprensioni con le forze dell’ordine o gli incaricati della Croce Rossa.

Eppure gli italiani sono anche attesi … in internet si moltiplicano le pagine tedesche nelle quali si danno consigli su come flirtare con gli italiani.

oktoberfest italiani 2

Leggi Tutto

Condividi

Quasi sicuramente non sapete che…

Mar 14, 2013 da

Quasi sicuramente non sapete che…

Lo sapevate che Einstein lavorò alla festa della birra?
Ebbene si! Anche il geniale fisico premio Nobel,  quando aveva appena 17 anni nel 1908 lavorò come aiuto-operaio nell’organizzazione della festa.
Era impiegato come praticante per conto della ditta di componenti elettriche dello zio e  i proprietari di allora della tenda Schottenhamel decisero di voler essere i primi ad avvalersi dell’illuminazione elettrica: Einstein si occupò di avvitare le lampadine!!!

Leggi Tutto

Condividi

Perchè si chiama OKTOBERfest?

Mar 12, 2013 da

Perchè si chiama OKTOBERfest?

Una domanda che molti si pongono e alla quali pochi sanno rispondere: perché si chiama Oktoberfest se si festeggia più che altro a settembre?

Tutto risale al 1810 … alle origini della festa: la prima Oktoberfest infatti è stata la festa di matrimonio del principe Ludwig con la principessa Therese. Iniziata il 12 Ottobre, si è conclusa il 17 Ottobre, alla festa furono invitati a partecipare in maniera spontanea tutti i cittadini di Monaco.
Negli anni successivi, mano a mano che la festa veniva organizzata come un evento è stata spostata verso settembre, quando le condizioni metereologi che sono migliori, le giornata più lunghe e più calde.
Da qualche anno, l’Oktoberfest viene organizzato a cavallo tra i mesi di settembre e ottobre.
L’edizione 2013 è prevista dal 21 Settembre al 6 Ottobre.

Leggi Tutto

Condividi

Brutti ricordi

Mar 8, 2013 da

Brutti ricordi

L’Oktoberfest è una delle più grandi e divertenti feste al mondo.
Come però succede in tutti i grandi eventi, non sempre il divertimento ha la meglio e anche l’Oktoberfest ogni anno ha il suo elenco di fatti spiacevoli, alcuni da annoverare proprio tra i brutti ricordi.

Nel 1980 infatti un giovane membro di un’organizzazione neonazista, Gundolf Köhler, fece esplodere un ordigno all’ingresso, uccidendo 13 visitatori e ferendone altri 200. Lo stesso Köhler morì nello scoppio.

Molto più tardi nel 2011 uno sconosciuto ha spruzzato uno spray lacrimogeno sotto un tavolo il primo giorno, e 30 persone sono state ricoverate all’ospedale per disturbi agli occhi.

Si tratta comunque di fatti isolati. La sicurezza infatti è garantita dalle  forze dell’ordine, sempre presenti e all’erta: almeno 500 poliziotti presiedono la festa, mentre 200 paracarri in cemento armato prevengono il perimetro da eventuali attacchi terroristici.

Leggi Tutto

Condividi

Il circo dell’Oktoberfest … il più piccolo del mondo

Mar 4, 2013 da

Il circo dell’Oktoberfest … il più piccolo del mondo

L’Oktoberfest ha tanti primati, tante particolarità, tante attrazioni … una tra queste il fatto che rappresenta uno dei pochi eventi dove è possibile ancora ammirare il circo delle pulci.
Questi piccoli animaletti, quasi invisibili ad occhio umano, possono essere ammaestrati e diventare dei veri e propri artisti in grado di realizzare numeri di circo, di trainare carrozze e anche giocare a calcio.
Il circo delle pulci ha una tradizione antica che si è espressa al suo massimo tra la fine dell’Ottocento e l’inizio del Novecento.
Oggi non è più così diffuso ma rimane una grande attrazione per grandi e piccini.

Avvicinatevi pure per ammirarle … non abbiate paura … le pulci non saltano sugli uomini!!

Leggi Tutto

Condividi

Il sexy calendario dell’Oktoberfest

Mar 1, 2013 da

Il sexy calendario dell’Oktoberfest

All’Oktoberfest è impossibile non notare i vestiti tipici bavaresi, soprattutto quelli delle donne colorati e … scollati!

I generosi décolleté delle cameriere bavaresi immortalati in 12 scatti per un calendario davvero bollente.

“Wiesn Décolleté” è il nome del sexy calendario che celebra le profonde scollature delle bellezze made in Germany.

 

 

 

 

Alcune foto dell’edizione 2011:

 

Guarda tutte le foto dell’edizione 2012:

Leggi Tutto

Condividi

Tutti i cappelli dell’Oktoberfest

Feb 27, 2013 da

Tutti i cappelli dell’Oktoberfest

Parafrasando il detto “cento teste, cento cappelli” nel caso dell’Oktoberfest si potrebbe dire “milioni di teste, centinaia di cappelli” …
Da sempre presente nelle sue forme tradizionali, il cappello è stato un elemento sempre presente in tutte le edizioni della più famosa festa della birra.

Se un tempo il cappello era parte del costume tipico, oggi l’offerta è vastissima e molto differenziata.

Sono decine le bancarelle che vendono i più svariati tipi di copricapo ma c’è anche chi lo acquista mesi prima online o chi lo produce da sé.

In lana cotta, tradizionale, moderno, simpatico, irriverente, tematico, celebrativo, fashion… durante i giorni di Oktoberfest, nel Theresentwiese – l’enorme parco nel quale si svolge la festa – si vedono cappelli di tutti i tipi ed altrettanti se ne possono comprare alle bancarelle.

Per voi una selezione dei più particolari:

Leggi Tutto

Condividi

Le statistiche del 2012

Feb 20, 2013 da

Le statistiche del 2012

L’Oktoberfest di Monaco di Baviera si chiuse Domenica 7 ottobre  con un bilancio di 6,9 milioni di litri di birra bevuti da 6,4 milioni di visitatori. Il Festival popolare iniziato il 22 settembre, dicono gli organizzatori, anche lo scorso anno è stato un successo nonostante il numero dei partecipanti sia stato più basso dell’anno scorso.
Nel 2011, infatti, erano stati 6,9 milioni e avevano bevuto più di 7 milioni di litri.
Il direttore Dieter Reiter ha sostenuto che la diminuzione era inevitabile, in quanto  lo spazio dedicato al festival della birra fu ridotto per fare posto a una fiera agricola quadriennale.

Vi aspettiamo in tantissimi per l’Oktoberfest 2013 con inizio Sabato 21 Settembre fino a Domenica 6 Ottobre!!
Non potete mancare !!

Leggi Tutto

Condividi

Birra mon amour

Feb 13, 2013 da

Birra mon amour

Ormai manca poco … tutti ne parlano e tutti sono alla ricerca dell’idea più originale …
Domani è San Valentino, celebrare il proprio amore con un regalo per sorprendere il proprio amato o la propria amata, per stupire e per dimostrare così il proprio sentimento è diventanto un must. Non è facile però trovare il pensiero, le parole, il regalo adatto.
Noi amanti della birra vogliamo condividere con voi, amanti della birra, questa idea regalo:

birra san valentino

un mazzo di fiori posto in un boccale di birra pieno della nostra amata e dorata bevanda.
Il bouquet composto da piccoli, “spumosi” garofani bianchi, rigorosamente veri ha un aspetto decisamente invitante ed è acquistabile online.

Perfetto sia per lui che per lei!

Leggi Tutto

Condividi

La vecchia tavolata dei giostrai

Feb 4, 2013 da

La vecchia tavolata dei giostrai

Ormai ha anche una lunga tradizione la vecchia tavolata dei giostrai all’Hippodrom; promotore di questo raduno è l’ex capo della Wiesn Gabi Weißhäupl, che è in pensione dl 2012. Nel frattempo sono andati in pensione anche tutti i membri della storica tavolata, che per anni hanno montato le loro montagne russe, giostre e i baracconi del tiro a segno al Theresienwiese. Questa tradizione di famiglia viene oggi portata avanti dai loro figli o addirittura dai nipoti, che continuano a gestire le giostre.

La vecchia tavolata dei giostrai ha luogo all’Hippodrom, giovedì 3. Ottobre 2013

Leggi Tutto

Condividi

La birra dell’Oktoberfest di Monaco

Feb 1, 2013 da

La birra dell’Oktoberfest di Monaco

Non è un caso se l’Oktoberfest si svolge in Germania … essa infatti vanta più fabbriche di birra di ogni altra nazione, grazie al clima adatto alla coltivazione dell’orzo e alla millenaria storia di produzione.
Le birre dell’Oktoberfest sono di una varietà chiamata Märzen. Più scura e più forte della tradizionale birra, la Märzen contiene fino al 6% di alcol, è a bassa fermentazione, ed è lagered per almeno 30 giorni. Già da prima dell’avvento delle moderne tecniche di refrigerazione, questo tipo di birra è prodotta in marzo e ciò ne rende possibile il consumo alla fine dell’estate o a inizio autunno.
Come tutte le birre tedesche, la birra dell’Oktoberfest è prodotta secondo rigorosi standard tedeschi  che definisce con precisione i quattro ingredienti consentiti nella fabbricazione della birra: orzo, luppolo, malto e lievito.

A sole 6 fabbriche di birra di Monaco di Baviera – Augustiner, Hacker-Pschorr, Hofbräu, Löwenbräu, Paulaner, Spaten è permesso servire la birra durante la festa. Tra stand grandi e piccoli, per un totale di 14 tendoni ci sono posti a sedere per 98.022 visitatori alla volta. La birra è servita nel Maß, un boccale da un litro, il cui costo è di circa 9 euro. Birra cameriere e camerieri devono essere in grado di trasportare 10 di questi boccali di birra-riempita in un momento.

Leggi Tutto

Condividi

Programma Oktoberfest 2013

Gen 31, 2013 da

Programma Oktoberfest 2013

La prossima edizione dell’Oktoberfest inizia il 21 Settembre e termina il 6 ottobre 2013.

L’ingresso degli osti e dei birrai alla Wiesn

Festa d’inaugurazione dell’Oktoberfest con le famiglie degli osti, carrozze decorate, carri delle fabbriche di birra monacensi tirati da file di cavalli o buoi, le cameriere su carri decorati e tutte le orchestrine degli stand. La sfilata si svolgerà in qualsiasi condizione metereologica.

La sfilata di costumi tradizionali e “Schützen”

La sfilata di costumi tradizionali e “Schützen” si svolge la domenica del primo weekend. L’nizio è alle ore 10.00 e la sua durata è di circa 2 ore.
Il percorso della sfilata: Max II. Denkmal, Maximilianstraße, Residenzstraße, Odeonsplatz, Lenbachplatz, Karlsplatz-Stachus, Sonnenstraße, Schwanthalerstraße, Paul-Heyse-Straße, Georg-Hirth-Platz, Kaiser-Ludwig-Platz, Festwiese.
La sfilata di costumi tradizionali e “Schützen” è l’evento più famoso dell’Oktoberfest e si svolge la prima domenica dell’Oktoberfest.
La parata di costumi tradizionali e Schützen (tiratori) è una pittoresca e festosa carrellata sulle usanze e sulle tradizioni bavaresi, ma anche delle altre regioni tedesche. La parata, che si svolge per le strade del centro di Monaco di Baviera ed è lunga ben 7 chilometri, è composta da gruppi folcloristici vestiti a festa, gruppi in uniformi storiche, orchestrine, bande di fanfare e suonatori, tiratori agonistici e alpini, cavalli di razza, buoi, mucche, capre, carri con tiri di cavalli o buoi dei produttori di birra, molti carri addobbati con rappresentazioni delle usanze regionali, sbandieratori, danzatori e carrozze storiche. Uno spettacolo da non perdere.
La sfilata si svolgerà in qualsiasi condizione metereologica.

Concerto di tutte le orchestrine dell’Oktoberfest

La Domenica del secondo weekend, dalle ore 11.00 c’è il grande conterto di tutte le orchestre ospitate negi stand dell’Oktoberfest. In caso di maltempo il concerto è rimandato alla domenica successiva, sempre alle ore 11:00. Il concerto si svolge sulla scalinata della Bavaria.

Leggi Tutto

Condividi

Cosa si dovrebbe sapere di Monaco?

Ago 22, 2012 da

Cosa si dovrebbe sapere di Monaco?

Spesso Monaco di Baviera viene chiamata la “capitale segreta della Germania”.
La città ha tutte le carte in regola per meritare questo soprannome. La città unisce le caratteristiche di una metropoli europea con quelle di una città romantica e accogliente. Più di 30 musei, 2 castelli, una infinità di caffè e birrerie di tutti i tipi , l’opera e decine di teatri offrono qualcosa per tutti i gusti, dalla mondana Maximilianstraße con eleganti e costosi negozi alla popolare festa della birra.
Impossibile annoiarsi a Monaco, c’è l’imbarazzo della scelta.
Ogni municipio tedesco che si rispetti ha la sua Ratskeller (cantina del consiglio comunale) che una volta era il vero centro della politica comunale: tra una birra
e l’altra le decisioni politiche ed amministrative erano più facili da prendere.
In questa foto l’entrata della Ratskeller del municipio di Monaco
Uno dei ristoranti più famosi di Monaco di Baviera: Zum Augustiner.
Si trova nella zona pedonalee offre un’eccellente cucina bavarese a prezzi modici
Un’altra celebre birreria di Monaco: la Löwenbräukeller (del 1833)

Leggi Tutto

Condividi

Il programma della festa dell’Oktoberfest 2012

Ago 16, 2012 da

Il programma della festa dell’Oktoberfest 2012

Sabato, 22 settembre 2012

Ingresso degli osti e dei birrai alla Wiesn: Inizio ore 10.45, durata ca. 1 ora, ca. 1000 partecipanti.

Percorso: Sonnenstrasse, Schwanthalerstrasse, Theresienwiese

Festa d’inaugurazione dell’Oktoberfest con le famiglie degli osti, carrozze decorate, carri delle fabbriche di birra monacensi tirati da file di cavalli o buoi, le cameriere su carri decorati e tutte le orchestrine dei tendoni.

Il rituale leggendario e tradizionale dell’apertura del primo barile di birra dell’Oktoberfest, trasmesso in diretta tv e via Internet, si terrà, come al solito, nel tendone della birra “Schottenhamel”. Celebrità, stampa e migliaia di fan dell’Oktoberfest saranno presenti, nel momento in cui il sindaco di Monaco darà il via alla festa.

12.00 a.m. “Si spilla!”

Domenica, 23 settembre 2012

Sfilata di costumi tradizionali e “tiratori”:

Inizio ore 10.00, durata ca. 2 ore, circa 7000 partecipanti

Percorso della sfilata: Siegestor – Odeonsplatz – Briennerstrasse – Maximiliansplatz – Lenbachplatz -Stachus – Sonnenstrasse – Schwanthalerstrasse – Theresienwiese

Evento festoso, famoso in tutto il mondo, che ha luogo la prima domenica dell’Oktoberfest. La parata di costumi tradizionali e Schützen (“tiratori“) è una suggestiva e interessante carrellata sull’infinita varietà di usanze bavaresi e rispecchia l’amore per le tradizioni di Baviera, Franconia, Svevia, delle diverse regioni tedesche e di altri paesi europei.

Nella parata, che si snoda per sette chilometri attraverso le strade del centro di Monaco, si avvicendano: gruppi folcloristici vestiti a festa, gruppi in uniformi storiche, orchestrine, bande di fanfare e suonatori, tiratori agonistici e  alpini, cavalli di razza, buoi, mucche, capre, carri con tiri di cavalli o buoi dei produttori di birra, molti carri addobbati con rappresentazioni delle usanze regionali e carrozze storiche.

Alberi della cuccagna ornati di nastri colorati, corone del raccolto, antichi utensili degli artigiani e prodotti del raccolto, piccoli archi ornati di fiori o stelle incrociati per danzare, bande di fanfare a cavallo, sbandieratori e molti alti ancora fanno di questa parata festosa e di lunga tradizione, che si tiene la prima domenica dell’Oktoberfest, un avvenimento splendido, da non perdere.

Domenica, 30 settembre 2012

Concerto di tutte le orchestrine dell’ Oktoberfest:

Inizio: ore 11.00

Luogo: sulla scalinata della Bavaria

Uno spettacolo variopinto che si tiene la seconda domenica dell’Oktoberfest; circa 400 musicisti delle orchestrine di ogni tendone della birra partecipano a questo grande concerto open air ai piedi della statua della Bavaria.

Domenica, 07 Ottobre 2012

Ore 11.30 p.m Chiusura Oktoberfest

Leggi Tutto

Condividi

L’Herbstfest

Ago 8, 2012 da

L’Herbstfest

L’Herbstfest si svolge all’ingresso della città di Rosenheim, al Loretowiese, un’area verde libera, che sin dal principio divenne il luogo dove nacque la festa d’autunno di Rosenheim.

La storia dell’Herbstfest comincia già nel lontano Medioevo, quando nacque come fiera agricola piena di spettacoli pubblici e divertimenti popolari.

Ma dal 1861 l’Herbstfest assume un carattere ed una dimensione diversa, divenne infatti una festa di dominio pubblico e con un numero di partecipanti sempre superiore. Negli anni successivi infatti è cresciuta ulteriormente dal momento che Rosenheim si volle presentare come una “città della birra”.

Nel 1890, con un numero di abitanti di circa 10.000 persone, Rosenheim aveva undici birrerie con un consumo di più di 400 ettolitri di birra.

Tuttavia la festa non si era ancora imposta definitivamente e infatti non aveva luogo regolarmente. In alcuni anni infatti non si svolse, come nel 1873 per via dell’epidemia di colera e negli anni della prima guerra mondiale (dal 1914 al 1918).

Solo dal 1925 ritornò ad essere una festa pubblica, con connotati simili a quelli attuali, cioè con stand giganteschi della birra, uno stand per il vino e 19 palchi per gli spettacoli.

Negli anni dell’immediato dopoguerra (1946-1949) l’associazione dello spettacolo bavarese organizzò annualmente delle feste primaverili sul Loretowiese, fino a quando l’associazione economica di Rosenheim divenne l’organizzatrice del festival e rinominò la festa pubblica come “Festa d’autunno di Rosenheim”.

Adesso l’Herbstfest rappresenta, dopo la sorella maggiore Oktoberfest di Monaco e dopo la Cannstatter Volksfest di Stoccarda, con il suo milione di visitatori l’anno, la terza più grande festa della birra della Baviera, e quindi della Germania e dell’Europa.

Leggi Tutto

Condividi

La Baviera e alcune sue caratteristiche

Lug 26, 2012 da

La Baviera e alcune sue caratteristiche

La Baviera è la regione più grande della Germania e le sue città, i suoi paesaggi, e anche le sue montagne raccolgono numerosi turisti da tutto il mondo. Ma non è solo un idillio per i turisti. Una volta di carattere prevalentemente agricolo la regione è oggi tra quelle tecnologicamente più avanzate della Germania.

Alcune caratteristiche:

“Freistaat Bayern – Stato libero della Baviera” – da questo nome traspare  l’orgoglio della regione che si sente erede di un passato importante con una ricca storia. I regnanti della Baviera hanno sempre giocato un ruolo di primo piano nella storia non solo della Germania, ma anche dell’Europa. La Baviera è la regione più grande della Germania e le sue città, i suoi paesaggi, ma anche le sue montagne raccolgono il numero più alto di turisti tra tutte le regioni della Germania. A questo primato ha contribuito anche il fatto che nessun altra regione è riuscita a conservare gli usi e costumi tradizionali in modo altrettanto naturale.

Ma la Baviera è molto di più di un idillio per i turisti. Fino alla metà del secolo scorso la Baviera era una regione per la maggior parte agricola. In 50 anni è diventata sede delle più avanzate industrie, dal settore delle tecnologie informatiche alle biotecnologie e alle tecnologie genetiche. L’industria automobilistica della Baviera (BMW, Audi) esporta in tutto il mondo. La capitale del Land, Monaco è una metropoli con un’atmosfera inconfondibile, da molti è considerata la “capitale segreta della Germania”.

Il patrimonio culturale della Baviera è immenso. Numerosi musei, tra i quali spiccano il Deutsches Museum e le Pinacoteche di Monaco, castelli, parchi naturali, le incantevoli città della “Strada Romantica” e festival annuali come quello a Bayreuth in onore di Richard Wagner hanno  fondato la fama della Baviera come una regione di cultura a livello europeo.

Leggi Tutto

Condividi

L’Oktoberfest

Lug 18, 2012 da

L’Oktoberfest

Tutti associano alla parola “Oktoberfest” la rinomata birra bavarese…

Il suo “carisma”, la sua tradizione folcloristica, la sua musica, i suoi costumi, i suoi usi e abusi, i suoi eccessi, l’atmosfera festosa, le orchestrine, l’ottima cucina bavarese, le giostre variopinte e le caratteristiche bancarelle, la prorompente e provocante presenza femminile, oltre che  la sua birra, fanno dell’Oktoberfest, con i suoi 6,5 milioni di visitatori l’anno, la festa popolare più grande al mondo, e la rendono un evento indimenticabile per grandi e piccini, un appuntamento a cui partecipare almeno una volta nella vita.

Per avere un’idea delle dimensioni della manifestazione basti sapere che negli ultimi anni vengono consumati 7 milioni di litri di birra, mangiati migliaia di manzi, 300.000 salsicce e mezzo milione di polli arrosto!

La manifestazione dell’ Oktoberfest  è un evento popolare che si svolge ogni anno a Monaco di Baviera, solitamente nei 16 giorni precedenti la prima domenica di ottobre.

Solo ai sei birrifici tradizionali di Monaco (Paulaner, Spaten, Hofbräu, Hacker-Pschorr, Augustiner e Löwenbräu) è permesso servire birra nei tendoni dell’Oktoberfest.

Il “signore” dell’Oktoberfest è il Maß, il famigerato boccale da birra da litro che vedrete in migliaia di esemplari all’interno di ogni singolo stand. E’ così che verrete serviti…nessuna birra media o piccola…solo “Eine Maß bitte” , è così che dovrete dir se volete ordinarne uno alle splendide signorine dalle braccia grosse e dalle tette prorompenti.

Un Maß costa circa 9,00 euro; se pagate con una banconota da 10 euro e vi aspettate il resto, chiedetelo, altrimenti verrà inteso come mancia per la nostra supersignorina.

Il grosso del suo guadagno infatti non deriva dallo stipendio, ma dalle mance che i clienti lasciano per il singolo boccale…un consiglio…almeno al pimo Maß lasciate la mancia…e verrete serviti più velocemente e con maggior cortesia!

Ogni birreria ha il suo stand dove all’interno troverete panche e tavole invase da centinaia di tedeschi, ma soprattutto da turisti provenienti da tutto il mondo:
anche in questa occasione gli italiani la fanno da padroni. Per poter bere bisogna essere seduti, quindi i tendoni sono presi d’assalto fin dal primo mattino per potersi garantire un “comodo” posto dove poi degustare svariati boccali della rinomata birra.

Naturalmente la birra che si beve non è quella classica, ma quella prodotta esclusivamente per l’Oktoberfest.

Leggi Tutto

Condividi

La vita notturna a Monaco

Lug 3, 2012 da

La vita notturna a Monaco

Per le vostre uscite serali a Monaco, non avete che l’imbarazzo della scelta tra gli innumerevoli bar, locali e discoteche che trasformeranno ogni serata in un’esperienza indimenticabile!

Trovate il locale giusto per festeggiare, incontrarvi con gli amici o semplicemente rilassarvi in un ambiente magico! Ambiente classico o moderno? Musica elettronica o ritmi lationamericani? La capitale bavarese vi offre una vastissima gamma di bar e locali che vi invitano a trascorrere delle serate indimenticabili. Scoprite i locali tipici di ogni quartiere di Monaco oppure lasciatevi guidare da questa selezione che mettiamo a vostra disposizione!

 

Alcuni bar e clubs

Lizard Lounge

Il quartiere del Gärtnerplatz, famoso per i suoi innumerevoli bar e locali alla moda, è il luogo di ritovo più “in” del momento, dove ogni sera si incontra una gran folla di nottambuli che da qui iniziano il loro lungo tour di vita notturna a Monaco. La Lizard Lounge è ormai da qualche anno il locale più in voga del quartiere. Qui vi aspettano dei fantastici cocktail e un DJ che fa vibrare tutta la piccola sala. Corneliusstraße 34 (U1, U2, U7, U8 Fraunhoferstrasse)

Ksar Club

In una cornice chic e moderna il Ksar Club, situato presso il Sendliger Tor, vi propone un ambiente molto alla moda, musica elettronica e una scelta di cocktail senza eguali. Un luogo per trascorrere una serata speciale in compagnia. Müllerstraße 31 (U-/S-Bahn Sendlinger Tor)

Lisboa Bar

Bar musicale e ristorante situato nel cuore del quartiere Haidhausen, il Lisboa Bar accoglie una clientela piuttosto allegra tutti i giorni della settimana. Gli amanti del fado e della musica sudamericana possono inoltre assaporare una cucina raffinata o semplicemente gustare un buon cocktail.

Green Room Bar

Entrate nell’atmosfera inconfondibile di questo nuovo club di Schwabing, situato a pochi passi dall’Università. Vi è un vasto assortimento di eccellenti cocktail, della buona musica stile “lounge” e una clientela sempre allegra e festosa. Leopoldstraße 13 (U-Bahn Giselastraße)

E molti altri….

Le discoteche di Monaco

Pacha

Nuovo locale di Monaco affiliato al Pacha Ibiza, “la discoteca delle discoteche” Pacha propone sia serate tematiche che “after work parties”, sempre con i migliori DJ del momento. È sulla buona strada per diventare la nuova istituzione del “Jet Set” monacense! Maximiliamsplatz 5

Babylon

La discoteca Babylon propone ogni venerdì dalle ore 22.00 una serata dedicata alla musica italiana, da Eros Ramazzotti alla musica commerciale Italo-House. Ingresso gratuito. Rosenheimerstr. 143

4 0 0 4

Enorme discoteca multisala di più di 4004m² inagurata alla fine del 2003. Ogni sala ha un suo ambiente e una sua musica particolare. Attira un pubblico molto vario. Landsbergerstraße 169-175

Parkcafé

La musica elettronica e la musica black (r’&b, Soul, Rap) sono il programma delle serate tematiche di questo club che attira incessantemente un grande pubblico da piú di dieci anni. In una cornice elegante e sobria i migliori Dj vi faranno trascorrere delle serate indimenticabili. Sophienstraße 7 (U2, arrêt Königsplatz)

Leggi Tutto

Condividi

Novità Oktoberfest 2012

Giu 20, 2012 da

Novità Oktoberfest 2012

Come ogni anno l’ Oktoberfest di Monaco offre sempre spettacolari ed eccitanti novità nel suo Theresenwiesen. Quest’anno verrà introdotta una nuova fantastica attrazione che sarà un vera e propria innovazione di questa festa della birra: La Torre, the Tower in inglese.

La torre è stata disegnata da Charles Blume ed è un vero e proprio contenitore di attrazioni:

  • un vero e proprio vulcano erutterà davanti ai vostri occhi, scatenando le forze della natura.
  • un viaggio attraverso l’universo con le nuove tecnologie 3D vi spingeranno oltre i confini dello spazio conosciuto.
  • saranno presenti anche attrazioni tradizionali, come le ruote panoramiche.

Inoltre il viaggio nella Torre non finisce qui, perchè dalla cima dei suoi 28m di altezza potrete ammirare l’Oktoberfest in tutto il suo splendore e lasciarvi ammaliare dalla vista mozzafiato della città di Monaco.

Insomma l’Oktoberfest apre le porte al 3D, all’avventura e punta sempre più in alto. Che diventi il prossimo Disneyland? O meglio il primo Oktoberfestyland?

Potete ammirare il video della torre qui di seguito:

Leggi Tutto

Condividi

Gli orari di apertura degli stand dell’Oktoberfest !

Giu 6, 2012 da

Gli orari di apertura degli stand dell’Oktoberfest !

Tutti gli Zelten sono aperti dalle ore 09.00 alle ore 23.00 (la birra viene servita fino alle 22.30)

Inizio Oktoberfest

Sabato, 22.09.2012

12.00 a.m. “Si spilla!”

“O´zapft is!”

Apertura bancarelle

Lunedì – Venerdì 10.00 a.m – 11.30 p.m

Sabato 09.00 a.m – 12.00 p.m

Domenica e festivi 09.00 a.m – 11.30 p.m

Spettacoli

Lunedì – Venerdì 10.00 a.m – 11.30 p.m

Sabato 10.00 a.m – 12.00 p.m

Domenica e festivi 10.00 a.m – 11.30 p.m

“Giorni Famiglia” con prezzi ridotti

Martedì, 25.09.2012 12.00 a.m. – 6.00 p.m

Martedì, 02.10.2012 12.00 a.m. – 6.00 p.m

Chiusura Oktoberfest

Domenica, 07.10.2012, 11.30 p.m

Leggi Tutto

Condividi

Divertimenti Oktoberfest

Mag 25, 2012 da

Divertimenti Oktoberfest

Dei 200 artisti presenti oggi all’ Oktoberfest circa il 90 per cento traggono le loro radici nel 19 ° Secolo.

Oggi molte di queste giostre, attrazioni, capannine assumono un significato nostalgico e trovano spazio solo all’ Oktoberfest, che ci permette di rivivere a piene l’atmosfera, le tradizioni e il folklore del tempo che fu.

Clicca qui: http://www.oktoberfest-monaco.com/curiosita/divertimenti-oktoberfest/ per scoprire tutte le attrazioni e  i divertimenti
Dal  tiro a segno (altbarischen)  al krinoline all’hottograph e molti altri ancora….

Leggi Tutto

Condividi

Qualche curiosità…

Mag 9, 2012 da

Qualche curiosità…

Gente da ogni parte del mondo,musica, voglia di divertirsi e stare insieme e allegria tipica dei bavaresi, il tutto mescolato con l’ingrediente fondamentale: la birra.

Ecco che si ha un’idea di che cosa è l’Oktoberfest.

Il visitatore della festa della birra non deve però lasciarsi trascinare solo dalle attrazioni più vistose e plateali non vanno infatti dimenticati alcuni piccoli gioielli che fanno parte della tradizione di Monaco e che l’occhio distratto potrebbe lasciarsi sfuggire.

Divertimento per tutta la famiglia  in una delle più antiche tradizioni europee: il circo delle pulci.

“Hau den Lukas” è uno dei divertimenti più antichi.
Il partecipante deve picchiare con un grosso martello di legno su un blocco. Il colpo fa partire un piccolo carrello su di un binario verticale in cima al quale è posta una campana.
Se siete forti abbastanza e se utilizzate la tecnica giusta farete suonare la campana. Ci si diverte anche soltanto guardando.

Spesso infatti si vedono uomini gracili che fanno suonare la campana di continuo e uomini grandi e grossi che non arrivano nemmeno a un quarto della colonnina.

Un altro tradizionale scherzo bavarese è l’uccellino Jakob (“Der Vogel Jakob”).
Vi può capitare passeggiando all’interno dell’Oktoberfest di scambiare delle persone per degli uccelli. All’inizio si può rimanere molto stupiti.
Esiste un venditore che con molto umorismo ma soprattutto con molta esperienza tenendo in bocca dei piccoli pezzi circolari di cartone riesce a cinguettare come un uccello.
Se vi capitasse di incontrarlo guardate la gente alle prese coi fischietti, come queste riescano a emettere strani toni o come maldestramente sputino i fischietti.

Uno straniero che capita a Monaco nel periodo dell’Oktoberfest può essere colpito dal fatto che non solo a Theresienwiese ma anche in tutta la città si incontrino uomini, donne, giovani e anziani in abito tradizionale bavarese; una cosa che infatti non tutti sanno è che i monacesi sono molto fieri della lorò identità bavarese (diversa da quella tedesca) e considerano l’abito tradizionale un segno di distinzione e di cui andare orgogliosi…

Leggi Tutto

Condividi

Programma e vari appuntamenti Oktoberfest 2012

Mar 14, 2012 da

Programma e vari appuntamenti Oktoberfest 2012

L’Oktoberfest 2012 si svolgerà dal 22 Settembre, con apertura alle ore 12.00 al culmine della celeberrima cerimonia iniziale “O’ zapft is” fino al 7 Ottobre, con chiusura alle 23.30.

I tendoni dell’Oktoberfest, chiamati Zelten, sono aperti nei giorni feriali dalle ore 10:00 fino alle 23:00. Durante i fine settimana invece l’apertura è anticipata alle ore 9:00. La birra viene servita fino alle 22:30, per lasciare ancora mezz’ora agli ultimi sopravvissuti per svuotare il proprio Maß (boccale da un litro di birra). Le uniche eccezioni sono rappresentate dalla “Wiesnschänke Käfer” e dalla “Tenda del Vino” che chiudono all’ 1 di notte.

Vari appuntamenti:

Sabato 22 Settembre 2012

Inaugurazione dell’edizione 2012 dell’Oktoberfest O’ zapft is – apertura della prima botte ingresso degli osti e dei birrai alla Wiesn

Festa d’inaugurazione dell’Oktoberfest, sfilata gli osti con carrozze decorate delle fabbriche di birra monacensi tirati da file di cavalli o buoi. Arrivano sui carri anche tutte le cameriere e le orchestrine degli stand. La sfilata si svolgerà in qualsiasi condizione metereologica.

Alle 12.00 in punto il sindaco di Monaco avrà l’onore di spillare il primo barilotto di birra dell’ Oktoberfest. Una volta che il barile sarà stato aperto, tutti i visitatori potranno soddisfare la loro sete. Vale la pena di arrivare presto al fine di partecipare ai festeggiamenti da vicino ed è abbastanza comune per i visitatori arrivare già dalle ore 8 del mattino per garantirsi i posti migliori a sedere.

Domenica 23 settembre 2012

La sfilata di costumi tradizionali e “Schützen”

E’ l’evento più famoso dell’Oktoberfest, si svolge la domenica del primo weekend. L’inizio è alle ore 10.00 e la sua durata è di circa 2 ore.

Questa parata è una pittoresca e festosa carrellata sulle usanze e sulle tradizioni bavaresi, ma anche delle altre regioni tedesche, è composta da gruppi folcloristici vestiti a festa, gruppi in uniformi storiche, orchestrine, bande di fanfare e suonatori, tiratori agonistici e alpini, cavalli di razza, buoi, mucche, capre, carri con tiri di cavalli o buoi dei produttori di birra, molti carri addobbati con rappresentazioni delle usanze regionali, sbandieratori, danzatori e carrozze storiche. La parata, che si svolge per le strade del centro di Monaco di Baviera è lunga ben 7 chilometri, ecco il percorso: Max II. Denkmal, Maximilianstraße, Residenzstraße, Odeonsplatz, Lenbachplatz, Karlsplatz-Stachus, Sonnenstraße, Schwanthalerstraße, Paul-Heyse-Straße, Georg-Hirth-Platz, Kaiser-Ludwig-Platz, Festwiese.

E’ Uno spettacolo da non perdere. La sfilata si svolgerà in qualsiasi condizione metereologica.

Domenica 30 Settembre 2012

Concerto di tutte le orchestrine dell’Oktoberfest La Domenica del secondo weekend, dalle ore 11.00 c’è il grande concerto di tutte le orchestre ospitate negli stand dell’Oktoberfest. In caso di maltempo il concerto è rimandato alla domenica successiva, sempre alle ore 11:00. Il concerto si svolge sulla scalinata della Bavaria.

Leggi Tutto

Condividi

La Ricetta dei Brezel

Feb 16, 2012 da

La Ricetta dei Brezel

Chi non ha mai assaggiato il favoloso Brezel tedesco? Chi si è sempre chiesto come fanno a dargli quella doratura perfetta e quel sapore inconfondibile? Chi ha sempre sognato di scoprire gli antichi segreti culinari della Bavaria e riprodurli nella propria cucina? Questo è il momento di rivelazione, di svolta, vi proponiamo:

L’antica ricetta dei Brezel Tedeschi

La famosa ricetta dei Brezel, così come vengono preparati in Germania e così come li potete assaggiare all’Oktoberfest innaffiandoli con un gustosissimo litro di birra, ti trasporterà direttamente a monaco tra i canti e la festa; ti sentirai inondato dall’allegria tipica della Germania e potrai ricreare l’Oktoberfest nella tua abitazione senza dover prenotare i tavoli o preoccuparti di alzarti per lasciare posto ad altre persone!

Ingredienti

  • 500 gr di farina di grano tenero “0”
  • 250 ml di acqua tiepida
  • 30 gr di burro
  • 2 c.ini di sale
  • 1 c.ino di zucchero
  • 25 gr lievito di birra
  • sale grosso per la superficie

Infornare a 200° per 20-25 minuti.

 

Prepararazione soluzione

La soluzione di acqua ed Idrossido di Sodio è l’unica in grado di dare al Bretzel il suo tipico sapore.
Vi consiglio di acquistare in farmacia le pasticche di NaOH perchè abbiamo bisogno di un livello purissimo di composto chimico.
Io le acquisto in Germania, sotto forma di piccolissime cubetti, molto più facilmente dosabili delle soluzioni in scaglie.

La soluzione che andremo a preparare è altamente ustionante per cui è necessario seguire alla lettera tutti i consigli che seguiranno.

Versate in una ciotola di acciaio o vetro (NO plastica) dell’acqua FREDDA ed aggiungete le pasticche che dovrete cercare di sciogliere mescolando lentamente, per evitare schizzi, con un cucchiaio di acciaio.

Se, alla fine di tutto il procedimento, dovesse avanzare della soluzione, è possibile conservarla in un barattolo di vetro. Per motivi di sicurezza è fondamentale riporla lontano da cibi o alimenti e indicare in evidenza che si tratta di una sostanza tossica.

 

Preparazione impasto

Disporre a fontana nel centro fate sciogliere il lievito con un po’ d’acqua tiepida ed un cucchiaino di malto (o zucchero). Mescolare inglobando poca farina e lasciare riposare questo composto per circa 15 minuti. Dopodiché aggiungere il burro morbido ed il sale.
Impastare a lungo.
Lasciare lievitare per circa 40 minuti in una ciotola rivestita di pellicola per alimenti e posta in un luogo tiepido.

L’impasto dev’essere abbastanza compatto da poter essere poi lavorato senza che questo si attacchi alle mani.

Formare i Bretzel ricavando dei filoni lunghi circa 50 cm, più spessi in centro e assottigliati all’estremità e dargli la classica forma.
Metterli su una placca unta e lasciarli riposare per una ventina di minuti a temperatura ambiente in modo che si gonfino leggermente, dopodichè posizionarli in frigorifero per circa un’ora.
In questo modo si formerà una crosta più spessa che garantirà al Bretzel sfornato di avere un aspetto più lucido.

Ora la parte più difficile: preparare la soluzione come riportato sopra e, facendo molta attenzione a non entrarvi in contatto con mani ed occhi, tuffarvi i brezeln, uno per volta.
Lasciarli in immersione per circa 10 secondi ( se sono ben lievitati galleggeranno) e recuperarli con una paletta di acciaio forata.
Lasciarli scolare molto bene, poggiando la paletta forata, con sopra il bretzel, su un canovaccio che sia in grado di assorbire il liquido in eccesso e poi sistemarli via via su una teglia rivestita di carta forno.
Incidere la superficie facendo un taglio nella parte più spessa nel senso della lunghezza e cospargere del sale grosso.

Leggi Tutto

Condividi

Benvenuti nel Blog dell’Oktoberfest

Gen 30, 2012 da

Benvenuti nel Blog dell’Oktoberfest

Benvenuti nel blog dell’oktoberfest di Monaco! Qui potrai trovare curiosità, notizie e tantpo altro ancora! continua a seguirci! Segui la passione dell’oktoberfest! Benvenuti nel blog dell’oktoberfest di Monaco! Qui potrai trovare curiosità, notizie e tantpo altro ancora! continua a seguirci! Segui la passione dell’oktoberfest!

Leggi Tutto

Condividi

200 Anni Oktoberfest

Mag 12, 2011 da

200 Anni Oktoberfest

Oktoberfest…la più grande festa popolare del mondo con sette milioni di visitatori l’anno per alcuni, per altri rappresenta invece uno degli ultimi rifugi dell’eccesso e dei peccati…non solo di gola…Da duecento anni a questa parte all’Oktoberfest di Monaco di Baviera a dominare, per la durata di tre settimane, sono i tradizionali Maß (mass) boccali di birra da un litro, i Weisswürstel (Wurstel bianchi) bolliti e da affogare nella senape a grani dolci, e chiaramente i leggendari Brezel, il pane salato a forma di cuore, o di abbraccio di origine monacense, nonchè i polli arrostiti. Oggi l’Oktoberfest non è più solo tedesca, ma è un fenomeno di dimensioni mondiali, con partecipanti da tutte le zone, che affollano monaco in quei giorni, ed è fonte di ispirazione per tutte le altre feste della birra del mondo.

Tutto iniziò grazie al principe Ludwig di Baviera, che fu poi incoronato re Ludwig I, il quale voleva che i suoi discepoli partecipassero alla celebrazione del suo matrimonio con la principessa Teresa di Sassonia-Hildburghausen, il 12 ottobre 1810.

Ludwig ha organizzato una corsa di cavalli e ha invitato tutto il popolo di Monaco. L’Oktoberfest richiamò circa 40.000, un record, ma ben poca cosa a fronte dei quasi 7 milioni attuali. Visto il successo si decise che la corsa dei cavalli si sarebbe tenuta nuovamente nel 1811, questa volta in concomitanza con la fiera agricola.

Anche se la corsa di cavalli alla fine fu abbandonata, molte caratteristiche del primo Oktoberfest sono state mantenute, e in molti aspetti anche aggiornate e sviluppate per adattarsi sempre di più alla società e alla cultura dei giorni nostri. La celebrazione avviene ancora nel luogo oroginario, il Theresienwiese di fronte alle porte della città.

La mostra agricola è sempre una caratteristica di Monaco, anche se si svolge una volta ogni 4 anni. La tradizione degli stand di birra e cibo, iniziata nel 1818, continua ancora oggi ed è l’aspetto più significativo dell’Oktoberfest.

Leggi Tutto

Condividi

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.